BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

JOBS ACT/ "L'enigma" del primo decreto attuativo

Oggi il Consiglio dei ministri dovrebbe varare il primo decreto attuativo del Jobs Act, con misure su articolo 18, tutele crescenti e Aspi. Il commento di GIANCAMILLO PALMERINI

InfophotoInfophoto

Gli ultimi dati disponibili sul nostro mercato del lavoro (pubblicati dall'Istat) ci dicono che ad ottobre gli occupati erano 22 milioni 374 mila, in diminuzione dello 0,2% rispetto al mese precedente (-55 mila) e sostanzialmente stabili su base annua. Allo stesso tempo il tasso di occupazione, raggiungendo il 55,6%, è diminuito di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali, mentre è aumentato di 0,1 punti rispetto a dodici mesi prima. 

Il numero di disoccupati, inoltre, pari a 3 milioni 410 mila, è cresciuto del 2,7% rispetto al mese precedente e di ben il 9,2% su base annua. Un dato, quest'ultimo, che registra, quindi, un aumento di ben 286 mila persone senza lavoro nel nostro Paese solamente negli ultimi 12 mesi.

In questo quadro, il Consiglio dei ministri di oggi dovrebbe licenziare il primo e, per molti aspetti, più significativo decreto attuativo del Jobs Act (la legge 183/2014), quello relativo al contratto a tutele crescenti e chiamato, quindi, a ridisegnare gli effetti di un licenziamento illegittimo (il famoso articolo 18).

Sorge, quindi, un dubbio. Questo decreto rappresenterà, per i lavoratori italiani, un regalo per il Natale che festeggiamo domani o, altresì, un anticipo (non richiesto) del carbone dell'Epifania? Il terreno dei decreti attuativi rappresenta, infatti, il banco di prova sulla tenuta del compromesso raggiunto, durante l'iter della legge, e, per molti aspetti, anche della maggioranza politica che supporta l'esecutivo.

È da segnalare, tuttavia, come anche nell'elaborazione del decreto sia mancato quel dialogo con le Parti sociali, specialmente sindacali, che ha caratterizzato tutto il percorso parlamentare del disegno di legge. Sul metodo, infatti, più che sul merito (riformista) del Jobs Act si addensano le maggiori critiche. 

È, tuttavia, un segnale importante, così almeno riferiscono gli insider, che, assieme al decreto "a tutele crescenti", sarà approvato quello, peraltro più costoso per la finanza pubblica, sulla nuova Aspi che dovrebbe ampliare, ad esempio, il godimento delle prestazioni in caso di disoccupazione anche ai molti lavoratori para-subordinati italici.