BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIFORMA PENSIONI 2014/ Petriccioli (Cisl): così possiamo dire addio ai "guai" della Fornero

Maurizio Petriccioli (Infophoto) Maurizio Petriccioli (Infophoto)

La Cisl non condivide la “staffetta” di cui si parla spesso al ministero del Lavoro. Ciò che proponiamo è un nuovo patto tra giovani e anziani, basato sull’incentivo dell’uso volontario del part-time negli ultimi anni della carriera lavorativa. Ciò permette di inserire nel restante 50% dell’orario un giovane lavoratore.

 

Il part-time dei lavoratori anziani porterebbe a una riduzione della pensione finale?

No. Il governo deve riconoscere la contribuzione figurativa perché la persona che si trova negli ultimi anni di carriera può accettare di avere un taglio sullo stipendio e di lavorare meno. Ciò che non può accettare è vedersi ridotta la sua contribuzione previdenziale, perché il calcolo della sua pensione in quel modo sarebbe fortemente penalizzato. Va quindi promosso il part-time attraverso il riconoscimento della contribuzione figurativa corrispondente alla riduzione di orario, condizionando il meccanismo all’assunzione di lavoratori giovani di età inferiore con un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.