BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SPILLO/ Il "triangolo d'oro" che mette in crisi il Jobs Act di Renzi

InfophotoInfophoto

Tutte le attività dello Stato sono state bloccate, 24 mila dipendenti pubblici a casa, parchi e musei chiusi, impossibile sostenere esami nelle scuole e a causa del mancato rinnovo della licenza molti bar hanno dovuto interrompere forzatamente gli acquisti di birra, vino e liquori per i loro clienti. Solo l’intervento del Governo federale ha evitato che i problemi si allargassero ai pronto soccorso (colpiti marginalmente visto il modello di assistenza sanitario assicurativa), all’assistenza sociale e alla pubblica sicurezza, cosa che in parte non si è riusciti a evitare per la città di Detroit.

Accanto a eventuali e importanti investimenti in settori strategici, ben vengano programmi che sostengano contratti di solidarietà espansivi, staffette generazionali, voucher per la mobilità occupazionale, Job-rotation e programmi di inserimento in lavori socialmente utili, ma attenzione: seppur rilevanti affrontano la crisi in modo marginale e non sono esenti da conseguenze sociali seppur meno rilevanti della disoccupazione.

© Riproduzione Riservata.