BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Riforma pensioni Renzi/ Esodati, Cazzola: ritoccare la legge Fornero è un passo indietro enorme

Una pensionataUna pensionata

Questo mi sembra un ragionamento sensato: si lavori sull’occupazione, ma si lasci stare l’impianto della legge Monti-Fornero. In Italia 22milioni di persone che lavorano devono finanziare un sistema di welfare che ne tutela 60 milioni. Lo squilibrio è evidente.

 

Come valuta le nuove misure sugli esodati che hanno allargato la platea dei salvaguardati da 65mila a 170mila?

Il solito modo di risolvere i problemi all’italiana: la pensione rimane una sorta di ‘’vendicatore mascherato’’ chiamato a raddrizzare i torti subiti durante le vita lavorativa. Con la sesta salvaguardia (che consiste nel prorogare di un anno (al 6 gennaio 2016) la copertura delle salvaguardie, si è aperta la strada per ripercorrere il medesimo cammino l’anno prossimo. Ormai si cerca di far entrare visibilmente nel cono d’ombra delle salvaguardie non solo gli esodati, ma anche gli esodandi. Poi giudico scandalosa la tutela prevista per i ‘’terministi’’ che dopo aver risolto un contratto a tempo determinato tra il 2007 e il 2011 non ne abbiano stipulato uno a tempo indeterminato. Costoro, anche se avessero costantemente lavorato, con un contratto a termine o di collaborazione, fino ad un minuto prima di andare in quiescenza, sono stati inclusi, dalla sesta salvaguardia, tra coloro che meritano di andare in quiescenza con le precedenti regole.

 

In che modo è possibile chiudere definitivamente la questione degli esodati?

Per me dovrebbe essere chiusa da tempo con un bel ‘’andate a lavorare’’. Volendo, tuttavia, si potrebbe mettere a fuoco l’idea del ministro Giovannini di immaginare un trattamento da erogare anticipatamente a prestito, da restituire a rate, poi, una volta acquisito il diritto.

 

Che cosa ne pensa dell’emendamento al decreto legge sulla pubblica amministrazione sui cosiddetti “quota 96” della scuola, cioè quei docenti che erano rimasti intrappolati dalla riforma Fornero pur avendo già maturato i requisiti?

A mio avviso sarebbe, solo, una settima operazione di salvaguardia. Avrà già capito che cosa penso delle altre sei. Del resto, non mi pare che questi insegnanti siano disoccupati.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.