BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

IDEE/ Il "turbo" che aumenta la qualità del lavoro

InfophotoInfophoto

La fiducia comunicativa: è la propensione a condividere le informazioni, dire la verità, ammettere i propri errori, mantenere la confidenza, dare e ricevere feedback costruttivi. È come dire che, da un lato, la comunicazione richiede fiducia (nella misura in cui fa sì che un messaggio venga accolto e compreso) e, dall’altro, essa può efficacemente contribuire a costruire fiducia (se sa essere esaustiva, continuativa e puntuale). Quando i leader sono efficaci nella loro comunicazione non solo alimentano una relazione di fiducia, ma riescono anche a influire positivamente sui risultati. Limitare le informazioni condivise è come mandare ai collaboratori un messaggio di sfiducia e inadeguatezza nel gestire le informazioni, generando incomprensioni, fraintendimenti e false interpretazioni, e sottraendo energie positive al lavoro.

La fiducia competente: fa riferimento al rispetto delle conoscenze, delle abilità e delle capacità altrui, ma anche all’accettazione del giudizio degli altri, oltre che al coinvolgimento e alla capacità di trasmettere agli altri nuove competenze. La fiducia competente è presente nel momento in cui leader e collaboratori imparano uno dall’altro e sanno trarre insegnamento dai diversi interlocutori con cui si trovano a confrontarsi.

© Riproduzione Riservata.