BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Riforma pensioni 2015 / La “rabbia” che va oltre il referendum sulla Fornero

Infophoto Infophoto

Il problema delle pensioni non è se mi danno dieci euro in più o in meno, ma che giorno per giorno mi trovo in difficoltà su qualunque cosa vado a fare. Tre mesi fa ho consegnato personalmente alla presidenza del consiglio un dossier sulle condizioni di vita di anziani e pensionati di terza e quarta età. Sono 90 pagine di considerazioni e proposte, che ancora attendono una risposta.

 

Secondo lei, perché non c’è stata risposta?

Il motivo è che nei palazzi romani non importa nulla di tutto ciò, perché i pensionati devono soltanto votare per loro e stare zitti. Penso che questa volta qualcuno si incomincerà ad arrabbiare e innervosire. I politici devono stare attenti a quello che fanno, perché i pensionati sono arrivati al limite della sopportazione.

 

Quindi è meglio evitare di fare altre riforme delle pensioni per non peggiorare la situazione?

Il punto è che se noi vogliamo ragionare seriamente di pensioni ci mettiamo intorno a un tavolo con tutte le parti interessate, sindacati inclusi. Va completamente rivista la condizione di chi va in pensione, perché gli interventi sulle singole voci non cambiano niente.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.