BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Riforma Pensioni 2015 / Loy (Uil): flessibilità la “grande illusione” del costo zero per lo Stato

Per GUGLIELMO LOY, pensare di fare una riforma delle pensioni a costo zero rischia di tradursi in penalizzazioni molto dissuasive per chi vuole ritirarsi prima dal mondo del lavoro

Infophoto Infophoto

«Pensare di risolvere la flessibilità pensionistica a costo zero per lo Stato rischia di tradursi in penalizzazioni molto dissuasive per chi vuole ritirarsi prima dal mondo del lavoro». Lo afferma Guglielmo Loy, segretario confederale Uil. Giovedì con il via libera alla nota di aggiornamento al Def il governo si è impegnato ad allargare le maglie per l’uscita anticipata dal mondo del lavoro. Il pareggio di bilancio è stato spostato al 2018. L’esistenza delle coperture resta però ancora tutta da verificare. L’elenco degli interventi da inserire nella Legge di stabilità continua infatti ad allungarsi.

Loy, che cosa ne pensa della posizione del governo sulla flessibilità pensionistica?

Il governo non ha ancora deciso se entrare nel grande mare della rivisitazione della legge Fornero. Porre contemporaneamente due parametri quali flessibilità in uscita e attenzione ai conti, per un Paese come il nostro si traduce in una non decisione. A meno che si pensi di risolvere il tutto a costo zero e con una forte penalizzazione per chi sceglie di ritirarsi in anticipo.

Concretamente come si può tradurre una flessibilità che non sia troppo costosa per lo Stato ma che sia anche appetibile per i lavoratori?

Stiamo parlando di una condizione soggettiva molto diversificata da persona a persona. Le caratteristiche della vita personale, familiare e di contesto ambientale sono variabili molto importanti. Poniamo un lavoratore che ha 1.200 euro di stipendio, e che ritirandosi tra tre anni dovrebbe ricevere 800 euro di pensione. Siccome decide di anticipare l’uscita però ne prende 700.

È una somma molto bassa…

Sono d’accordo. Ci possono però essere variabili soggettive molto rilevanti nella scelta delle persone. Uno può avere o meno una casa di proprietà, abitare in una grande città o in campagna, avere un carico familiare o essere single. Resta il fatto che anche 100-150 euro, per un reddito medio-basso, sono una penalizzazione molto rilevante. Quando si lavora, oltre al salario ci sono inoltre dei premi di produttività che alla fine dell’anno possono aiutare a sostenere alcune spese straordinarie. In linea generale quindi le penalizzazioni per la flessibilità sono molto dissuasive, ma poi ci possono essere casi in cui facendo due conti può essere anche conveniente ritirarsi prima.

Come valuta invece la posizione del governo sugli esodati?


COMMENTI
11/10/2015 - PENSIONE DONNA -PROROGA FINO AL 2018 (Lucia Quattri)

Il governo deve anche pensare alle donne . Prolungare fino al 2018 l'opzione donna per permettere a coloro che hanno la necessita' di lasciare il lavoro con min 35 anni di contributi. Il sistema e' contributivo la penalizzazione arriva anche al 30. ./. Ma ci sono purtroppo situazioni dove una donna deve x forza lasciare il lavoro. In Italia x ora non c e' una parita ' effettiva e sulle donne gravano cura dei figli e dei nipoti, dei genitori anziani.....e quando una donna deve conciliare tutto questo con otto ore al giorno di lavoro diventa veramente stressante. Questo perche' non ci sono ancora delle strutture adeguate per bimbi ed anziani e quelle che ci sono hanno costi esorbitanti.... Dimenticavo...... Lo stipendio di una donna a parita' di incarichi e' sempre molto più' basso di quello di un uomo in quanto c e' discriminazione x via delle gravidanze.... Come conseguenza la pensione sara' piu' bassa. voglio solo dire che non essendoci x ora parita' effettiva e dovendo caricarsi un bel po' lavoro in più' una donna debba poter avere ill diritto di andare in pensione prima..... Almeno fino a quando ci saranno strutture adeguate e la mentalità sarà cambiata. E' importantissimo in una società che vuole e deve funzionare, trovare i giusti equilibri . Una donna che lavora fino a 62/65 anni non puo' fare ne' la mamma n'è la nonna...... CARO GOVERNO che societa' volete? O vi interessa solo il mordi e fuggi?!