BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SINDACATI E POLITICA/ Il “virus” dietro le mosse (confuse) di Cgil, Cisl e Uil

Alcune delle ultime mosse dei sindacati, spiega CIRO CAFIERO, non sono altro che sintomi di una malattia che da alcuni anni ha colpito la loro rappresentatività

Infophoto Infophoto

Il decreto legge n. 146 del 2015, che estende le regole sullo sciopero dei servizi pubblici essenziali alle assemblee, che scioperi non sono, convocate nell’ambito dei settori museali e archeologici pubblici, cura i sintomi e non la malattia. Perché le assemblee sindacali degli scavi di Pompei e del Colosseo sono uno dei sintomi di quella malattia che, da qualche anno, ha colpito la rappresentatività dei sindacati. Vediamo meglio la ragione.

A partire dal 2008, i sindacati del settore privato sono entrati in conflitto tra loro, è venuta meno la loro unità di azione, che era rimasta intatta per circa quaranta anni, e quindi la loro rappresentatività che, restando uniti, i sindacati si erano riconosciuti a vicenda. Ne è derivata una malattia che, come un virus letale, ha ben presto infettato il polmone dei sindacati, ovvero il consenso dei lavoratori privati e pubblici che, persa la fiducia verso essi, li hanno abbandonati.

Il sintomo è stato univoco: un’anomala agitazione dei sindacati. E cosi, ad esempio, le organizzazioni dei lavoratori hanno firmato in poco tempo un accordo dietro l’altro per regolare la rappresentatività nel settore privato, quello del 28 giugno 2011, o ancora quello del 31 maggio 2013 o infine il testo unico del 10 gennaio 2014, hanno moltiplicato gli scioperi, hanno dato vita a coalizioni sociali. Ma soprattutto hanno convocato assemblee senza darsi una misura.

E così, da un lato, in particolar modo nel settore privato, si è registrata un’impennata di richieste di assemblee, dall’altro, in particolar modo nel settore pubblico, è stato facile convocare assemblee per far rumore. Ad esempio, hanno fatto molto rumore quelle di Pompei e Roma quando, per finire sotto i riflettori, ai sindacati è bastato che i lavoratori dei siti archeologici, in giornate ad alta affluenza turistica, sospendessero per poco tempo la propria attività e si recassero nei vicini locali per riunirsi in assemblea.

E cosi, si è trasformato in un vero e proprio strumento di agitazione un momento della vita sindacale che, in condizioni normali, non lo è e anzi funziona meglio degli altri perché trova soluzioni concrete a problemi concreti, non impone ai lavoratori i sacrifici dello sciopero, non pesa molto sul datore di lavoro che è tenuto a garantire ai lavoratori la retribuzione fino ad appena 10 ore annue di assemblea.