BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SINDACATI E POLITICA/ Le nuove "grane" per Confindustria, Cgil, Cisl e Uil

Infophoto Infophoto

Come scritto ieri su queste pagine, un contratto non si fa in una notte. I chimici, infatti, da tempo avevano trovato degli intendimenti, ma sono stati fermi fino a quando il Presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ha dato il via libera alle sue Federazioni per i rinnovi di settore. Mentre i chimici trovano formule e soluzioni - e ora arriveranno altri rinnovi -, in certi ambiti le soluzioni paiono lontanissime. Le innovazioni che il fresco rinnovo ha identificato saranno sicuramente accolte dal sistema, anche sul piano confederale; e, ancora una volta, affermano il primato del mercato e del contratto, ovvero di impresa e lavoro e delle loro dirette rappresentanze.

Le domande che ci poniamo da tempo sono a questo punto sempre più stringenti: che senso hanno oggi le confederazioni? A cosa servono? Quale utilità? Quali visioni e valore aggiunto per il lavoro?

Il mondo confederale non è da cancellare in blocco anche perché non si può, ma eludere queste risposte significa tergiversare sui problemi veri della rappresentanza e della contrattazione collettiva.

 

Twitter @sabella_thinkin

© Riproduzione Riservata.