BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SINDACATI E POLITICA/ Il nuovo '93 pronto per l'Italia

Ancora non ci sono stati passi in avanti significativi tra le parti sul rinnovo del modello contrattuale. La situazione, ricorda GIUSEPPE SABELLA, è simile a quella del 1993

InfophotoInfophoto

Nel momento in cui in Europa il movimento del lavoro sceglie l’italiano Luca Visentini e lo elegge Segretario Generale di Etuc, la Confederazione europea del sindacato, in Italia ci si avvicina a una fondamentale svolta negli assetti regolatori tra le parti sociali e tra le parti stesse e la politica. Come scrivevamo in un recente articolo, in occasione dell’ultimo incontro in agenda per il rinnovo del modello contrattuale (21 settembre), si sono presentate solo Confindustria e Cisl; Cgil e Uil non pervenute. La Cisl è l’unico sindacato ad aver avanzato una proposta, ma è chiaro che non può esistere un modello contrattuale Confindustria-Cisl.

Lo stallo dura da troppo tempo, il precedente accordo è infatti scaduto nel 2013; e già da gennaio di quest’anno - quando Squinzi ha sbottato duramente per la prima volta aprendo a un intervento legislativo - non sono mancate tensioni molto forti tra le parti. Le divergenze più grandi sono sulla retribuzione, i sindacati naturalmente vorrebbero più soldi dalle imprese che però - stante la dinamica inflattiva impazzita degli ultimi anni - avanzano crediti dai lavoratori. Confindustria propone quindi di distribuire ricchezza in funzione della produttività; la Cisl è in linea con questa posizione, la Cgil parla di riduzione dei salari, la Uil in un primo momento pareva d’accordo, ma ora è partita all’attacco degli industriali.

Facendo un passo indietro, a giugno di quest’anno - in occasione del varo dei decreti attuativi del Jobs Act circa misure per la conciliazione e riordino tipologie contrattuali - il governo ha temporeggiato in materia di salario minimo, che la delega del Jobs Act prevede, proprio perché l’Associazione degli industriali ha manifestato qualche resistenza. Del resto, una volta fissata la retribuzione minima per legge, molte imprese potrebbero camminare da sole. Il governo sta ora monitorando la situazione con la volontà tuttavia di arrivare a delle soluzioni a breve termine. A parte l’aspetto retributivo, da tempo l’esecutivo minaccia di intervenire anche sulle regole della rappresentanza.

La situazione ricalca quella del ‘93, quando - dopo due anni di conflitti tra sindacati e Confindustria seguiti alla decisione degli industriali di dare disdetta alla scala mobile (il meccanismo che adeguava automaticamente il salario all’inflazione) - il 23 luglio veniva firmato il protocollo tra Cgil, Cisl, Uil, Confindustria e Governo Ciampi sulla politica dei redditi e dell’occupazione, sugli assetti contrattuali, sulle politiche del lavoro e sul sostegno al sistema produttivo. L’intesa del ‘93 in particolare contemplava i due diversi livelli di contrattazione (nazionale e decentrata), oltre che incrementi salariali legati, per il secondo livello, alla produttività e nuove regole per l’elezione dei rappresentanti dei lavoratori nelle aziende.