BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

RIFORMA PENSIONI 2015/ Brambilla: Opzione Donna e no tax area, evitiamo i "regali"

InfophotoInfophoto

Venti anni fa a un cinquantenne conveniva andare in pensione, perché prendeva un po’ di più che rimanendo al lavoro. Dopo 30 anni di lavoro un dipendente pubblico andava in pensione con il 102/103%, senza peraltro pagare i contributi. La sua pensione netta era quindi il 120% dello stipendio netto. Il sistema precedente alla legge Dini era quindi un forte incentivo alle baby pensioni. Il problema è che ancora oggi abbiamo un sistema fiscale che rappresenta un incentivo a evadere.

 

Che cosa c’entra tutto ciò con la no tax area?

Non fare pagare le tasse a chi non supera gli 8mila euro non farebbe altro che incentivare l’evasione fiscale. Io quindi sono contrario a questa misura, mentre preferirei fare degli incentivi. Al pensionato che in un anno spende mille euro per riparare la caldaia, si restituiscono 270 euro se consegna la ricevuta, perché è la somma che l’artigiano ha pagato in tasse. In questo modo si sconfigge l’evasione fiscale. “Regalare” la no tax area invece è controproducente, perché in Italia non facciamo altro che regalare soldi a tutti. E il risultato è che, nel 2014, 30 milioni di italiani non hanno pagato un euro di tasse.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.