BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

IL CASO/ Così Renzi e Marchionne mettono "in fuorigioco" sindacati e Confindustria

Sergio Marchionne (Infophoto)Sergio Marchionne (Infophoto)

A fronte di picchi di produzione che richiedono una maggiore capacità di risposta produttiva, aprire conflitti per nuove assunzioni significa non sapere leggere i mutamenti avvenuti nei mercati mondiali e come sono cambiati i cicli produttivi. Se le organizzazioni sindacali oltre a gestire i conflitti tornassero a essere anche organizzatori di risposte al bisogno di lavoro delle persone e avessero seguito i mutamenti avvenuti, avrebbero appreso che flessibilità non è precarietà e che servono nuove tutele proprio per sostenere i nuovi lavoratori.

Da qui possono partire nuove proposte per una contrattazione che sia sostegno per una crescita economica che sappia creare nuova occupazione e sostenere un mercato del lavoro più efficace ed efficiente.

© Riproduzione Riservata.