BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ La "minaccia" che può far cambiare (in meglio) il lavoro

L'informatica, la robotica e le nanotecnologie attuali, e sempre più utilizzate, giocano a favore o contro l'occupazione? GABRIELE FAVA ci aiuta a capire come affrontare questa domanda

Infophoto Infophoto

Si moltiplicano in tutto il mondo, anche nei paesi dove il tasso di disoccupazione è più contenuto, le riflessioni sul lavoro, sull'occupazione e su come riequilibrare il mercato del lavoro. Ovunque si analizzano alcune variabili dalle quali dipenderebbero gli alti tassi di disoccupazione: bassa crescita economica, incertezza giuridica e fiscale, scarsa formazione tecnica, mancanza di flessibilità del processo produttivo e nei contratti di lavoro, alto costo del lavoro, crisi globale, scarsa conoscenza delle lingue. Ma c'è una variabile di cui poco si discute: la tecnologia.

La domanda che ci si dovrebbe porre, infatti, è se l'informatica, la robotica e le nanotecnologie attuali, e sempre più utilizzate, giochino a favore o contro l'occupazione. Se la diffusione di nuovi strumenti tecnici possa davvero contribuire a far emergere nuove opportunità professionali. E se, una volta superata la crisi, l'incremento economico e finanziario sarà impiegato dagli imprenditori per investire in forza lavoro umana, o in tecnologia come sta accadendo perfino in Cina, dove il costo del lavoro è bassissimo. 

Se fossero vere alcune recenti previsioni fornite dai maggiori istituti tecnologici, secondo cui le nuove tecnologie sono destinate ad assorbire nei prossimi dieci anni più del 40% degli attuali posti di lavoro, occorrerà iniziare a interrogarsi seriamente su come contrastare tale effetto. 

Una possibilità, indicata da molti, potrebbe essere quella di utilizzare la tecnologia per far crescere la produzione, lasciando perciò invariata la forza lavoro occorrente per sostenere i livelli produttivi. Ma poiché i mercati di beni e servizi non possono espandersi all'infinito, la strada alternativa alla disoccupazione tecnologica potrà più probabilmente essere rappresentata dalla riduzione dell'orario di lavoro, osservabile in maniera graduale in tutta l'era industriale moderna, se si pensa che all'inizio del secolo scorso si lavorava per circa 3000 ore l'anno, a metà del secolo per circa 2500, e oggi la maggior parte dei lavoratori ha un orario medio annuo di non più di 1600-1700 ore.

Ebbene, interpretato in questi termini il fenomeno della tecnologizzazione del mercato si potrebbe addirittura tradurre in un vantaggio, non solo dal lato dell'industria ma anche dei lavoratori, in quanto, mantenendo invariati i livelli occupazionali, si otterrebbe una riduzione delle prestazioni richieste ai dipendenti. Il che peraltro si porrebbe in sintonia con le esigenze di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (work-life balance), sempre più sentite e attuali.