BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

REDDITO MINIMO/ Il (vero) metodo che può aiutare i disoccupati

Infophoto Infophoto

Gli operatori del mercato del lavoro devono uscire da un contesto di autoreferenzialità. Dobbiamo essere coscienti che “trattare una persona” non può essere equiparato a trattare un bullone. “One Man Show” non serve nel mercato del lavoro, per un semplice motivo: ogni persona è diversa, “visti da vicino nessuno è normale”. Negli anni ‘80, i Centri di solidarietà che per alcuni erano realtà “fuorilegge” perché permettevano ai disoccupati di farsi compagnia e aiutarsi a trovare un’occupazione, hanno introdotto un metodo, farsi compagnia per affrontare un problema, nell’affronto del bisogno.

Questo metodo non è riconosciuto come strumento di politica attiva, anche se, probabilmente è il più utile. Non è riconosciuto perché è difficile registrarlo in un time sheet, in un report o in un registro. Ma è il metodo: cercare un posto di lavoro è un lavoro.

Bisogna permettere una flessibilità amministrativa, all’interno delle regole, in quanto è possibile adeguare i servizi necessari ai bisogni reali espressi dalla realtà, valorizzando le buone pratiche e, in attesa della definizione delle competenze amministrative e legislative e della costituzione delle agenzie nazionali, permettere alle amministrazioni locali, responsabili, attente ai problemi contingenti, di sperimentare un piano per il lavoro che tenga conto dei bisogni delle persone.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
11/05/2015 - I posti di lavoro aumenterebbero? (Moeller Martin)

Dobbiamo prendere atto che con una maggiore qualità nell'intervento a favore dei disoccupati aiuteremmo queste persone a posizionarsi meglio nel mercato del lavoro ma non aumenteremmo il totale dei posti di lavoro disponibili e di conseguenza non abasseremmo il numero dei disoccupati. Per fare questo dobbiamo crescere. Per crescere dobbiamo diventare più competitivi. Per diventare più comppetitivi dobbiamo riformare profondamente il paese. Impariamo da Cameron se siamo prevenuti contro la Merkel (anche se gli inglesi stanno copiando pari pari dai tedeschi) ma soppratutto lasciamo perdere entrambi i buffoni nostrani con gli elicotteri.