BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LA BUONA SCUOLA / L'assunzione dei precari può scendere a 20mila

La Buona Scuola, Renzi promette l'assunzione di 100.000 precari con l'approvazione della riforma e spiega che in caso di bocciatura le assunzioni caleranno a 20.000. 

Immagine di archivio Immagine di archivio

Oggi, 23 giugno 2015, in Commissione Istruzione al Senato atteso l'esame della riforma della scuola, ribattezzata "La Buona Scuola". Il premier Matteo Renzi ha spiegato che l'approvazione della riforma permetterà l'assunzione di 100.000 precari della scuola, numero che scenderebbe drasticamente, in caso di bocciatura, "fino a 20-22mila", continuando con il sistema attualmente in vigore. Attesi numerosi emendamenti e il premier non ha escluso l'utilizzo della fiducia su una riforma ritenuta cruciale per il Governo che, nonostante il parere fortemente contrario delle opposizioni, continua a mettere in evidenza come il ddl permetterebbe "di cambiare il modello di scuola, con l'introduzione dell'organico funzionale e la possibilità di avere più professori". Renzi dovrà fronteggiare i malumori, provenienti anche dall'interno del Pd e riassunti dalle parole di Speranza, che ha definito la delega "una riforma contro insegnanti e studenti". Loredana De Petris (Sel) ha definito quello di Renzi "un ricatto", sottolineando come il premier abbia posto come condizione necessaria per la massiccia assunzione dei precari l'approvazione della riforma.

© Riproduzione Riservata.