BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Riforma pensioni 2015, Treu: sì alla flessibilità con Opzione donna, prestito pensionistico e staffetta generazionale

Tiziano TreuTiziano Treu

Le rispondo con un esempio. Una persona si ritira dal lavoro tre anni prima, e avrebbe in teoria diritto a una pensione di 1.500 euro. Lo Stato gliene presta 1.000 e quando il contribuente raggiunge l’età pensionabile si fa il conguaglio chiedendogli di restituire, magari in molte rate, quanto gli era stato anticipato. È una misura meno costosa che può funzionare per le persone che hanno urgenze particolari, legate a motivi familiari o di salute.

 

Lei come valuta l’ipotesi di un’estensione di Opzione Donna?

La valuto favorevolmente. Opzione Donna si basa sul ricalcolo della pensione attraverso il metodo contributivo. Una donna che si vuole ritirare prima dal lavoro, entro certi limiti, può farlo ma riceverà un assegno inferiore. Anche questo significa una diminuzione della pensione, ma molte donne l’hanno già accettata. Ciò di cui si sta discutendo ora è della possibilità di estendere questa possibilità anche agli uomini. Ma anche la staffetta generazionale, che consente di inserire un giovane mettendo un lavoratore “anziano” a part-time, potrebbe essere una soluzione.

 

Per il bollettino della Bce, “le nuove proiezioni sui costi dell’invecchiamento per alcuni Paesi sono soggetti a rischi negativi. In assenza di riforme che riducano la disoccupazione strutturale e stimolino la crescita potenziale, i costi dell'invecchiamento saranno sostanzialmente più elevati in questi Paesi”. Anche l’Italia corre questo rischio?

Sì, ma questo vale per tutti. Solo se ci sono riforme e crescita l’occupazione può aumentare, sia per i nuovi assunti sia per gli anziani che rimangono più a lungo al lavoro. Se invece non si cresce si scatena una guerra dei poveri. Qualche anziano rimarrà più a lungo al lavoro perché è costretto dalla legge, ma i posti a disposizione sono meno per tutti. Il discorso della Bce vale dunque in ogni caso se vogliamo che il sistema non faccia acqua, cioè che ci sia occupazione per tutti. Invece negli ultimi anni purtroppo non è stato così.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.