BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SCIOPERI OGGI / Le agitazioni di venerdì 14 agosto 2015: info e orari

Scioperi di oggi, venerdì 14 agosto 2015. Diverse le agitazioni in programma a livello locale e nazionale, le manifestazioni, le motivazioni e le modalità di protesta. I dettagli

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Nuovi scioperi sono stati confermati per la giornata di oggi, venerdì 14 agosto 2015. Si parte con la protesta che coinvolgerà gli addetti della Allsystem, azienda che opera nel settore di vigilanza ad Aosta. Sono serviti a ben poco gli incontri avvenuti col consigliere comunale della Lega Nord Andrea Manfrin, dato che la situazione è peggiorata col passare del tempo. Il licenziamento, con reintegro nel mese di aprile scorso, del segretario regionale Sinalv Roberto Pau, ha peggiorato ulteriormente la situazione e l'agitazione è stata dunque confermata. Sul sito ufficiale del sindacato è stato inserito anche un comunicato stampa che, oltre spiegare quali sono le motivazioni maggiori, ha invitato i lavoratori della Allsystem ad unirsi al sit in che si terrà dalle nove alle undici del mattino, e che si svolgerà di fronte la sede centrale di Aosta della Allsystem. Motivazioni forti che hanno visto coinvolti oltre il venti percento dei lavoratori, insoddisfatti delle condizioni nelle quali, quotidianamente, si trovano costretti a dover operare.

Protagonista oggi ancora una volta il settore della vigilanza, che anche a Pistoia organizzerà uno sciopero, dalla durata di un mese, proclamato il 3 agosto e ufficializzato dal sindacato della Uiltucs. Anche in questo caso, le motivazioni che hanno portato gli addetti della “Globo vigilanza” a entrare in sciopero sono differenti, ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l'aggressione, avvenuta il 3 agosto 2015, da parte di un malvivente ai danni di una guardia. Il tutto è avvenuto durante le prime ore della mattina: l'addetto si sarebbe recato sul luogo dove era stato segnalato un allarme, ma è stato aggredito da un malvivente. Questo lo avrebbe minacciato con un'arma, gli avrebbe rubato quella d'ordinanza e buttato il cellulare nei campi vicini al luogo dell'accaduto, per evitare che potesse chiamare i rinforzi. E' questo il comunicato, nonché racconto, che è stato inserito sul sito del sindacato, che subito si è mobilitato con lo sciopero affinché gli addetti della vigilanza possano in futuro operare con maggior sicurezza.

© Riproduzione Riservata.