BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCIOPERI OGGI / Le agitazioni di sabato 15 agosto 2015: info e orari

Scioperi di oggi, sabato 15 agosto 2015. Diverse le agitazioni in programma a livello locale e nazionale, le manifestazioni, le motivazioni e le modalità di protesta. I dettagli

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Nonostante la giornata di festa, diversi scioperi sono stati organizzati anche per sabato 15 agosto 2015. Le maggiori proteste riguardano il settore del commercio, con i sindacati che hanno replicato duramente alle grandi catene di distribuzione che hanno annunciato di voler rimanere aperte per tutto il giorno. Secondo i sindacati, la liberalizzazione degli orari e delle aperture di domenica e nei giorni festivi non ha portato alcun beneficio all'occupazione e alle vendite, ma ha avuto come conseguenza un peggioramento delle condizioni lavorative degli occupati. Nel settore sono infatti aumentati precariato e mancanza di regole, come dimostra l'ennesima deregulation delle recenti aperture no stop di alcuni supermercati aperti 24 ore al giorno. I sindacati di categoria Filcams, Fisascat e Uiltucs hanno indetto una giornata di sciopero e l'interruzione del servizio per la giornata del 15 agosto. I sindacati chiedono un modello di lavoro sostenibile, maggiore contrattazione tra le parti, fino ad ora infatti le decisioni in materia di aperture e orari sono state prese in maniera unilaterale dalle grandi catene commerciali senza alcuna concertazione con le parti sociali. Ci si attende uno sciopero a macchia di leopardo, non a livello nazionale: al momento hanno annunciato l'astensione dal servizio le sigle sindacali della regione Toscana, alcune città in Emilia Romagna e in Veneto, in particolare a Padova dove l'apertura dei negozi a Ferragosto è una novità di quest'anno. Cecilia De Pantz, segretario generale della Filcams-Cgil di Padova ha dichiarato: "C’era la necessità di aprire anche il 15 agosto, quando le persone pensano solo a fuggire dal caldo della città?". Secondo il segretario generale di Padova infatti il decreto Salva Italia promosso da Monti nel 2011 non ha portato alcun vantaggio economico alle aziende. Stando a quanto dichiarato nei giorni scorsi da Confesercenti, l'apertura dei negozi durante le festività può aiutare a fronteggiare la crisi e soddisfa le esigenze dei consumatori, soprattutto nelle grandi città, dove molti sono costretti a restare in città o a fare comunque un periodo di vacanza più breve. Da parte loro, i lavoratori del commercio e della grande distribuzione chiedono con questa giornata di sciopero un modello di commercio più solidale e sostenibile incentrato non solo sui consumi e sui profitti ma su valori umani e civili, sulla difesa della dignità del lavoro e sui diritti dei lavoratori più deboli. I sindacati rivendicano rispetto delle esigenze di lavoratori e lavoratrici e il diritto a trascorrere le festività con i propri familiari. Per quanto riguarda invece gli scioperi indetti a carattere regionale, il 15 agosto scioperaranno nella provincia di Rimini gli impiegati dell'Azienda Cittadini dell' ordine Srl, un istituto di vigilanza. Dal 15 agosto i lavoratori della società sciopereranno con il blocco del lavoro straordinario a oltranza, fino a che non verranno accolte le loro richieste. La protesta è stata indetta dalle sigle sindacali Filcams-Cgil e Fisascat-Cisl.

© Riproduzione Riservata.