BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

RIFORMA PENSIONI 2015 / Renzi: nessun intervento su quelle più alte

Riforma pensioni 2015: l'ex ministro del Lavoro Elsa Fornero ha auspicato l'aumento della flessibilità nell'età pensionabile, proponendo una decurtazione dell'assegno pensionistico al 3,5%. 

Elsa Fornero (Infophoto2)Elsa Fornero (Infophoto2)

Il governo taglierà le tasse utilizzando parte della flessibilità del Patto di stabilità ottenuta in ambito europeo. Lo ha fatto sapere il premier Matteo Renzi in una recente intervista al Corriere della Sera, confermando che "non ci sarà nessun taglio alla sanità" e che "non sono all’ordine del giorno" interventi sulle pensioni più alte. "Magari nella sanità ci sarà qualche poltrona Asl in meno e qualche costo standard in più. Ma sono tagli agli sprechi, non alla sanità", ha detto il presidente del Consiglio. “Per la prima volta, grazie al lavoro di tutti a partire da Padoan, abbiamo ottenuto la possibilità di uno spazio di patto di circa l’1%, 17 miliardi di euro - ha spiegato il premier - Cercheremo di usare parte di quello. Quanto al deficit, siamo tra i pochi Paesi europei che rispettano la soglia del 3%, continueremo a farlo".

Continua il dibattito politico sulla riforma delle pensioni, in vista della prossima Legge di Stabilità, in cui il Governo potrebbe inserire meccanismi in grado di aumentare la flessibilità nell'età pensionabile. Nei mesi scorsi sono state formulate diverse proposte, tra cui spiccano quelle dei parlamentari Damiano-Baretta (pensione anticipata con decurtazione dell'assegno al 2%) e quella del presidente dell'Inps Tito Boeri, che ha proposto l'uscita dal mondo del lavoro senza alcuna decurtazione ma con gli assegni calcolati interamente utilizzando il metodo contributivo. Tra le due ipotesi, che peserebbero in maniera diversa sulle casse pubbliche (la proposta Damiano-Baretta, secondo le stime effettuate dall'Inps potrebbe costare fino a 10 miliardi di euro all'anno e per questo motivo difficilmente verrà adottata dal Governo) si pone una terza proposta, formulata dall'ex ministro del Lavoro Elsa Fornero, che ha proposto una decurtazione più elevata, al 3-3,5% "una soluzione non neutrale per la finanza pubblica ma meno costosa delle ipotesi circolate finora, ad esclusione del ricalcolo contributivo dell'intero assegno". L'ex ministro ha criticato la proposta di Boeri, definendola "falsa flessibilità" e ha ribadito che l'attuale situazione economica del paese è ben diversa dall'emergenza del 2011, anno in cui il governo Monti varò la riforma che porta il suo nome. 

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
30/08/2015 - la riforma Fornero: un atto di schiavizzazione (Vincenzo Caputo)

Oggi la Fornero parla di cambiarla. Ma la riforma pensionistica Fornero è un atto scellerato nei confronti dei lavoratori dipendenti, perché: 1) ha spostato dai 57 anni ai 67 anni il limite minimo di età per la pensione, senza alcuna flessibilità. E' stata, in concreto, un atto di schiavizzazione progressiva e prolungata nel tempo perché toglie al lavoratore il diritto a dieci anni di giusto riposo pensionistico. 2) ha fatto questo per poter trattenere i contributi pensionistici di milioni di lavoratori ed usarli per altri scopi, primo fra tutti il ripianamento dei buchi del bilancio dello Stato, buchi provocati dalle ruberie e dall'incapacità dei politici e dall'evasione fiscale. Ecco il motivo per cui la Fornero si vanta che la sua riforma ha "salvato l'Italia". 3)il fatto che il prelievo del denaro dei contributi ai fin di ripianare i buchi di bilancio sia la vera ragione della riforma Fornero è evidente se si pensa che ancora nel 2008 il sistema pensionistico italiano veniva lodato proprio da quei gerarchi dell'Impero europeo che oggi dicono di volere che la riforma Fornero non sia toccata. 4) Né la FORNERO né tanti altri come questa “Ministro”, né tanti giornalisti pro-forneriani, avevano mosso un dito quando sono stati scippati agli enti pensionistici (per merito di TREMONTI, se non sbaglio), centinaia di migliaia di immobili che detti enti avevano acquistato nei decenni CON LE SOLE CONTRIBUZIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI, VERSATE A SOLO FINE PENSIONISTICO!!!