BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIFORMA PENSIONI 2015/ Esodati vs. flessibilità, lo scontro che conviene all'Ue

Infophoto Infophoto

È chiaro che l'eventuale soluzione in tema di flessibilità assorbe anche la discussione sulla "opzione donna", quantunque, sul punto, l'elemento tempo assuma una rilevanza ben maggiore. La normativa, infatti prevede che sino al 31/12/2015 le lavoratrici possono anticipare la data di pensionamento optando per un trattamento pensionistico calcolato con il metodo contributivo. L'Inps ha però interpretato tale termine quale data ultima di decorrenza del trattamento pensionistico, con la conseguenza che le interessate devono aver maturato i requisiti richiesti con un anno di anticipo rispetto alla scadenza. Da qui la richiesta di prevedere una proroga del periodo sperimentale, ovvero un intervento che chiarisca che entro tale data debbano essere maturati i requisiti di accesso, ancorché la decorrenza sia successiva.

© Riproduzione Riservata.