BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Riforma pensioni 2017/ Treu: i lavoratori precoci e usuranti meritano un'uscita agevolata (Intervista)

LapresseLapresse

Sì. Per una quota ampia di pensionati ci sono sostegni fiscali che ridurranno il costo del prestito praticamente a zero. Si tratta dei pensionati più bisognosi, i quali faranno ampio ricorso a questo strumento. La cosiddetta Ape sociale sarà molto utilizzata dalle persone più bisognose nonché dalle stesse imprese. Quanti invece vorranno andarsene volontariamente e quindi decideranno di pagare il prestito, dovranno fare i conti e magari saranno quelli che hanno pensioni più consistenti.

 

Lei ritiene soddisfacenti le misure per lavoratori precoci e lavori usuranti?

I precoci sono una categoria che ha una storia ma che è in via di superamento, perché nessuno oggi va a lavorare a 17 anni. Si tratta di una coorte di persone che hanno incominciato negli anni passati ed è giusto non penalizzarli. C’è questo intervento che può abbuonare loro tra i 12 e i 18 mesi, e che mi sembra assolutamente ragionevole. Per quanto riguarda i lavori usuranti, si tratta di persone che hanno motivi oggettivi per essere aiutate. Si tratta comunque in entrambi i casi di platee abbastanza circoscritte e che meritano un’uscita agevolata.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.