BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SINDACATI E POLITICA/ Fim, Fiom e la svolta utile per tutti i contratti

Prosegue la trattativa per il rinnovo del Ccnl dei metalmeccanici. Nuovi passi avanti fanno sperare in una svolta importante anche per altri contratti, spiega GIUSEPPE SABELLA

LaPresseLaPresse

In modo piuttosto silenzioso rispetto a quanto il settore ci ha abituato, prosegue la trattativa per il rinnovo del Ccnl metalmeccanico che, anche la prossima settimana - mercoledì 26 precisamente - vedrà le Parti ritrovarsi nuovamente. Da quando il negoziato si è riaperto, dopo gli scioperi, le Parti hanno trovato degli intendimenti che ora vengono anche scritti, al di là del fatto che per le firme manca ancora qualche passaggio.

La trattativa è arrivata all'ultimo miglio. Le organizzazioni stanno lavorando molto al loro interno per rendere partecipe la loro base circa le novità, in particolare Federmeccanica - che è partita da una situazione piuttosto diversa - e la Fiom, per cui questo contratto è quasi una rivoluzione, soprattutto per le novità inerenti il welfare integrativo, previdenza complementare (Cometa) e assistenza sanitaria integrativa (MètaSalute). Non è un mistero che i metalmeccanici della Cgil in passato contestassero, tra le cose, anche questo spazio al welfare integrativo nel Ccnl, tanto che non hanno firmato gli ultimi rinnovi.

Ora invece la stessa Fiom è d'accordo su quanto definito: per ciò che concerne la previdenza complementare, a decorrere dal 1° gennaio 2017 la contribuzione a carico delle aziende a favore dei lavoratori iscritti al Fondo di previdenza complementare aumenterà dall'1,6% al 2% dei minimi contrattuali; da quella data i lavoratori iscritti potranno versare una contribuzione almeno pari all'1,2% del minimo contrattuale. 

Per quanto riguarda invece l'assistenza sanitaria integrativa, dal 1° gennaio 2017 tutti i lavoratori in forza alla medesima data saranno iscritti al Fondo MètaSalute (salvo rinuncia scritta dei singoli lavoratori); contemporaneamente è stato esteso il diritto all'iscrizione al Fondo anche ai lavoratori con contratto part-time, con contratto di apprendistato e con contratto a tempo determinato di durata non inferiore a 6 mesi a decorrere dalla data di iscrizione; in tale ultimo caso l'iscrizione è automaticamente prolungata in caso di proroga del contratto. A decorrere dal 1° gennaio 2017 la contribuzione sarà pari a 156 euro annui a totale carico dell'azienda, comprensiva delle coperture per i familiari fiscalmente a carico, senza alcun costo per i lavoratori. Le novità, come si evince, sono importanti e interessanti.

Restano certamente da definire le soluzioni circa l'inflazione pagata ex post e il famoso décalage, ovvero l'inflazione pagata solo in parte. Sul primo punto tutto dovrebbe filare liscio - e questa è una soluzione che il sistema delle relazioni industriali potrebbe adottare -; sul secondo - invece - i sindacati vorrebbero rivedere quanto proposto da Federmeccanica: non un meccanismo a scalare (100% nel 2017, 75% nel 2018 e 50% nel 2019), ma un meccanismo a salire (tipo 50% nel 2017, 75% nel 2018 e 100% nel 2019). Ancora non si è deciso nel merito, ma si tratta di una soluzione proposta dalla Fim: questo perché l'inflazione è bassa oggi e si presume salga domani.