BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PATTO PER LA FABBRICA/ La riscossa pronta per Confindustria e sindacati

Vincenzo Boccia, spiega RAFFAELE BONANNI, ha fatto un richiamo importante a Cgil, Cisl e Uil. Ora Confindustria e sindacati hanno un’occasione importante da non sprecare

LaPresse LaPresse

La legge del contrappasso è infallibile, e anche nella storia recente del discredito freddamente spinto dall’attuale Governo ai danni dei corpi intermedi sta riportando la situazione al punto di partenza nelle importanti relazioni tra di loro, e tra essi e le istituzioni e la politica. Si è teorizzato che l’intermediazione dei Soggetti sociali fosse un intralcio per il buon andamento della governabilità del Paese e dell’economia; ma queste posizioni ben presto si sono accartocciate su se stesse. Il Paese non ha certo goduto della riduzione del loro ruolo: al contrario, tutti i dati statistici riguardanti la salute dell’economia sono disastrosi e risentono sensibilmente della scarsa coesione sociale fortemente danneggiata nel biennio scorso.

Ma ciò che non ha potuto l’amore per l’interesse generale, l’ha potuto l’interesse politico del Governo ad alleggerire il numero dei propri nemici dopo il preoccupante esito delle scorse amministrative e in vista della consultazione del 4 dicembre che potrà decidere insieme al quesito referendarip anche la stessa permanenza di Renzi alla guida del Governo. La ripresa dell’attività concertativa come nel caso delle pensioni fa ben sperare su un cambio positivo di passo. 

Anche il Presidente di Confindustria continua la salutare pressione per ridare centralità alle relazioni industriali ripartendo dai luoghi della produzione. Già mesi fa, in occasione della sua investitura, aveva richiamato i sindacati a riprendere la politica contrattuale orientata alla produttività aziendale. E giorni fa, in occasione del consueto meeting autunnale dei Giovani imprenditori, li ha chiamati a darsi da fare per un “patto per la fabbrica”. Vincenzo Boccia, memore delle difficoltà del recente passato procurate anche dalla furia anti corpi intermedi e delle difficoltà della’industria italiana, insiste a che i soggetti sociali riprendano nelle proprie mani la piena soggettività sociale dei momenti migliori. Si spera ora che il Sindacato sappia cogliere pienamente questa congiuntura favorevole, dopo le ingiuste campagne portate ai suoi danni dai soliti e perenni rappresentanti dell’italietta al seguito del padrone di turno.

La questione contrattuale è il nodo principale. Infatti, non è stata ai più comprensibile la ritrosia recente a procedere all’aggiornamento delle relazioni industriali ripartendo dagli accordi interconfederali del 2011 e del 2013. Boccia ha detto chiaramente che il perimetro di ripartenza per l’evoluzione della contrattazione dovrà passare inevitabilmente da quei cardini. Ha voluto dire con chiarezza che i nuovi contratti possono portare benefici economici alle buste paga e alle prestazioni sociali contrattuali alla sola condizione dell’aumento della produttività nelle singole aziende.