BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Concorso cancellieri 2016 / Bando Gazzetta Ufficiale: presentazione domanda, attivati servizi di assistenza (ultime notizie oggi 24 novembre)

Concorso cancellieri 2016, bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale: la presentazione delle domande entro il 22 dicembre. Ultime notizie oggi 24 novembre

Immagini di repertorio (LaPresse)Immagini di repertorio (LaPresse)

Ora che il bando di concorso per cancellieri è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è arrivato il momento di segnare sul calendario le scadenze più importanti. Partiamo da quella per la presentazione della domanda: il termine è fissato al 22 dicembre 2016. Poi bisognerà attendere il 14 febbraio 2017, quando la Gazzetta Ufficiale della Repubblica pubblicherà con un nuovo provvedimento le indicazioni sulle prove scritte, cioè quando e dove si svolgeranno. Dopo le scadenze, è bene conoscere i divieti. I candidati non possono comunicare verbalmente o per iscritto durante le prove, possono solo parlare con i componenti della commissione esaminatrice e gli incaricati della vigilanza. Non si possono portare in aula carte, appunti, libri, opuscoli e apparecchi che permettano la comunicazione con l'esterno. Se si contravviene a queste disposizioni, si è esclusi dal concorso. I candidati al posto di cancelliere devono presentarsi alle prove scritte muniti di documento di riconoscimento in corso di validità e della ricevuta di invio della domanda rilasciata dal sistema informatico.

Per poter partecipare al concorso per cancellieri è sufficiente aver compiuto 18 anni di età e possedere il diploma di scuola secondaria, ma tra i titoli preferenziali hanno ampio spazio coloro che sono laureati in Giurisprudenza, hanno svolto tirocinio formativo presso i tribunali o sono già avvocati. Considerando che le prove verteranno sul diritto amministrativo, pubblico, processuale civile e procedura penale, è evidente quanto sia importante la preparazione. Non a caso nei vari forum in rete si è già aperto il dibattito sui testi da utilizzare per la ripetizione o lo studio di tali materie. C'è chi si sta già dotando di compendi, chi invece cercherà in libreria testi più aggiornati di quelli che ha a disposizione. Molti, invece, consigliano ai non laureati in Giurisprudenza di dotarsi di libri non troppo tecnici, perché potrebbero rivelarsi troppo complessi. Il nostro consiglio è, invece, quello di affrontare la preparazione al concorso per cancellieri con la massima serenità: c'è, infatti, ancora molto tempo a disposizione per prepararsi al meglio.

Potrebbero esserci prove preselettive al concorso cancellieri 2016, il cui bando è stato pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale: saranno 1000 i posti totali, suddivisi in 800 a concorso e 200 tra gli idonei nelle graduatorie delle Pubbliche Amministrazioni in corso di validità. Per quanto riguarda le prove del concorso cancellieri 2016 sul bando si legge che ci potrebbero essere delle prove preselettive prima di quelle scritte. L'Amministrazione infatti si riserva la facoltà di far precedere le prove di esame da una prova preselettiva, qualora le domande di partecipazione siano superiori a cinque volte il numero dei posti banditi. La prova preselettiva, se dovesse essere svolta, consisterà in una serie di domande a risposta multipla sulle seguenti materie: elementi di diritto pubblico ed elementi di diritto amministrativo. Nel bando si specifica che il punteggio conseguito nella prova preselettiva non concorre ai fini della determinazione della votazione complessiva finale. L'eventuale ricorso alla prova preselettiva sarà reso noto con un provvedimento che sarà pubblicato sempre nella Gazzetta Ufficiale il 14 febbraio 2017. Saranno ammessi alle prove scritte i candidati che si saranno classificati, in base al punteggio, tra i primi 3.200 (4 volte i posti a concorso), e i candidati che abbiano riportato lo stesso punteggio del concorrente classificato all'ultimo posto utile.

Ieri sera è uscito finalmente il bando di Concorso Cancellieri 2016 per ben 1000 posti a tempo indeterminato e ora i vari aspiranti assistenza giudiziari stanno apportando gli ultimi documenti da inviare per poter procedere nella domanda telematica - qui sotto tutte le modalità aggiornate. Intanto, osservando il bando, si può verificare e assimilare come l’accordo paventato tra Ministero di Giustizia e Ministero della Pubblica Amministrazione è avvenuto. Viene dunque confermato quanto promesso dai ministri Andrea Orlando e Marianna Madia: dei 1000 posti a tempo indeterminato saranno, come recita il bando su Gazzetta Ufficiale, ben 800 saranno adibiti tramite concorso pubblico per assistente giudiziario. I rimanenti 200 invece saranno divisi per scorrimento in graduatoria dei lavoratori già presenti nella Pubblica Amministrazione: confermati i 155 posti per assistente giudiziario, i 55 per funzionario informatico e i 30 per funzionario contabile.

Il bando concorso cancellieri 2016, pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale, stabilisce quali sono le prove per i candidati che aspirano a uno degli 800 posti a tempo indeterminato per assistente giudiziario. Gli esami consisteranno in due prove scritte e in un colloquio. Per quanto riguarda le prove scritte saranno entrambe a risposta multipla. La prima consisterà in 60 domande aventi ad oggetto elementi di diritto processuale civile. Ad ogni risposta esatta verrà attribuito il punteggio positivo di 0,50; ad ogni risposta errata o multipla verra' attribuito il punteggio negativo di 0,15; alle risposte omesse non verrà attribuito alcun punteggio. A questa prova sarà assegnato un punteggio massimo di 30 punti. La prova si intenderà superata dai candidati che abbiano riportato una votazione di almeno 22,5/30. La seconda prova scritta del concorso cancellieri 2016 consisterà sempre in 60 domande a risposta multipla aventi ad oggetto elementi di diritto processuale penale. Per quanto riguarda il punteggio l'assegnazione sarà uguale a quella della prima prova. Le due prove si terranno in successione, senza soluzione di continuità e con un unico tempo di 150 minuti per il loro svolgimento.

Saranno 800 i posti per il concorso cancellieri 2016, il cui bando è stato pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale. A questi posti a tempo indeterminato se ne aggiungeranno altri 200: si tratta degli idonei nelle graduatorie delle Pubbliche Amministrazioni già in corso di validità. Per presentare la domanda di partecipazione al concorso cancellieri 2016 c'è tempo fino al prossimo 22 dicembre, 30 giorni dopo la pubblicazione del bando in GU. La domanda deve essere redatta e inviata esclusivamente con modalità telematiche, compilando l'apposito modulo presente sul sito del Ministero della giustizia, www.giustizia.it. I candidati al concorso cancellieri 2016 dovranno salvare la domanda, stamparla, firmarla, scansionarla in formato pdf , insieme con la fotocopia di un documento di identità e inviare il tutto telematicamente. La ricevuta di invio, completa del numero identificativo della domanda, data ed ora di presentazione, dovrà essere stampata, conservata ed esibita alle prove scritte o alla eventuale prova preselettiva. In caso di più invii per la partecipazione al concorso cancellieri 2016 sarà presa in considerazione la domanda inviata per ultima.

E' stato pubblicato ieri il bando per il concorso cancellieri 2016. Si tratta di una selezione, per titoli ed esami, per 800 posti a tempo indeterminato per il profilo professionale di Assistente giudiziario, Area funzionale seconda, fascia economica F2, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia - Amministrazione giudiziaria. I requisiti per l'ammissione al concorso cancellieri 2016, oltre alla maggiore età, alla cittadinanza italiana e al godimento dei diritti civili e politici, all' idoneità fisica all'impiego e al possesso delle qualità morali e di condotta, sono il conseguimento di diploma di istruzione secondaria di secondo grado quinquennale o altro diploma dichiarato equipollente o equivalente dalle competenti autorità, oppure titolo di studio superiore, riconosciuto ai sensi della normativa vigente. Non possono partecipare al concorso cancellieri 2016 "coloro che siano stati destituiti o licenziati a seguito di procedimento disciplinare, o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero coloro che siano stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi, o interdetti dai pubblici uffici per effetto di sentenza passata in giudicato".

Attesa finita per il concorso Cancellieri, con il bando che è stato finalmente pubblicato su Gazzetta Ufficiale, 24 ore dopo la data in cui era stato annunciato. Con qualche ritardo ma ora finalmente sulla sezione concorsi ed esami della Gazzetta ufficiale, il Ministero di Grazia e Giustizia ha reso pubblico il bando di concorso per 800 nuovi posti a tempo indeterminato (200 infatti saranno frutto degli idonei nelle graduatorie delle Pubbliche Amministrazioni già in corso di validità). «Bando di concorso pubblico, per titoli ed esami, a 800 posti a tempo indeterminato per il profilo professionale di Assistente giudiziario, Area funzionale seconda, fascia economica F2, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia - Amministrazione giudiziaria», recita la prima parte del plico di bando che ora va studiato in ogni dettaglio per scoprire tutte le ultime novità a riguardo di date, scadenze per la presentazione della domanda di iscrizione e quant’altro.

Sul concorso Cancellieri è ancora attesa per il bando che su Gazzetta Ufficiale ancora non viene pubblicato: doveva uscire ieri, come abbiamo scritto lungo tutta la giornata, ma ancora si attende la notifica dal ministero di Grazia e Giustizia che sta avendo dei ritardi nella presentazione del bando. Probabile il vaglio delle ultime particolari competenze, sta di fatto che gli aspiranti cancellieri ancora attendono risposte da Roma: il vero motivo di questo bando da 1000 posti a tempo indeterminato è dettato dal fatto che da anni il Ministero stesso reclama la carenza di personale e di nuove assunzioni per provare anche a rinnovare l’intero sistema telematico che a poco a poco sta cercando di passare dal cartaceo al digitale. Per fare servono fondi, ma anche competenze di gente in grado di comprendere i meccanismi delle nuove tecnologie: per questo motivo si è scelto di proporre un concorso per così tanti posti in palio in modo da rinnovare per bene, a macchia d’olio, molti tribunali e cancellerie sparse per il Paese.

© Riproduzione Riservata.