BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

STRATEGIE / Colli-Lanzi racconta Gi Group in Piazza Affari: "Obiettivo 4 miliardi e lo sbarco in America"

M&A Academy: Stefano Colli Lanzi e Roger AbravanelM&A Academy: Stefano Colli Lanzi e Roger Abravanel

Il take-off di Gi Group resta legato con un'acquisizione e a un'impegnagtiva integrazione organizzativa: quella di Worknet da parte del gruppo Fiat, che aveva già tentato senza successo un'espansione strategica nel comparto dei servizi innovativi per il lavoro. E' stato allora, ha raccontato Colli-Lanzi che Gi Group si è messa alla prova sul terreno del salto dimensionale e strategico. "La concentrazione sta diventando un drive importante anche nel nostro settore, che in molti paesi resta frammentato. La scelta di GiGroup ha certamente privilegiato l'aumento della dimensione, ma senza mai trascurare la specializzazione: la focalizzazione su specifici segmenti di mercato e lo sviluppo di strutture capaci di offrire soluzioni af hoc. Tenere il gruppo su una traiettoria flessibile di crescita sostenibile fra fasi di espansione e di consolidamento è stata la nostra sfide vincente".

Colli-Lanzi non ha mancato di rammentare quali cambiamenti stiano rivoluzionando il mercato delle staffing agency: che gestiscono soft-skill e risorse umane lungo l'intero percorso in-between-out. Ciò che per "intermediari di reale valore" è core business per un sistema-Paese può fare una differenza decisiva nelle statistiche dell'ccupazione. 2In Italia - ha ricordato - la bolla della disoccupazione giovanile è per parte imporrtante legata a un drammatico mismatching fra domanda e offerta di competenze: troppi giovani non si formano od orientano in modo corretto ed è così che troppe aziende restano drammaticamente alla ricerca di risorse qualificate, necessarie subito per dare ripresa e competitività all'Azienda-Paese".

© Riproduzione Riservata.