BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LEGGE DI STABILITÀ 2017/ L'equivoco del welfare aziendale

Lapresse Lapresse

Gli incentivi che il legislatore ha previsto ci sono nella misura in cui si interviene per crescere produttività del lavoro, sia in caso di contratto aziendale, sia di piano per la produttività condiviso con i lavoratori, anche senza le loro rappresentanze, lo si può infatti mettere ai voti, come i regolamenti. Ciò che è importante è che nei luoghi di lavoro ci si sforzi di migliorare la produttività e di rendere le imprese più produttive; ma questo non avviene se soltanto cresce benessere (welfare) in azienda. C'è il rischio che ci ritroviamo con imprese che crescono welfare, ma non la produttività del lavoro. 

Il legislatore, che incentiva in misura maggiore il welfare rispetto al salario, farebbe bene a tenere monitorato questo aspetto. E anche le Parti sociali, in particolare quelle datoriali, farebbero bene a non trascurare questo equivoco.

© Riproduzione Riservata.