BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

LAVORO / Colli-Lanzi: "Gi Group cresce nel 2016 e accelera nell'innovazione del mercato del lavoro"

Stefano Colli-Lanzi, Ceo di Gi GroupStefano Colli-Lanzi, Ceo di Gi Group

La specializzazione dell'offerta di servizi è una leva che Gi Group ha utilizzato in modo strutturale nel 2016. Esemplare la nascita di Enginium, nuova unità dedicata rivolta alle direzioni tecniche di aziende alla ricerca di profili di ingegneri ad alta specializzazione per outsourcing, somministrazione e staff leasing. "Gi Group si propone sempre di più come solutions designer - sottolinea Colli-Lanzi - on top sulla struttura imprenditoriale". E' così per altre "prime linee" del gruppo: da QiBit, riservato ai professionals dell'Information & communication technology, ad HoReCa, che presidia il lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione, assieme alle altre divisioni, che servono oltre 12mila aziende . "Puntiamo costantemente a migliorare la nostra capacità di selezione e attrazione di profili realmente dotati di skills", dice Colli-Lanzi, sottolineando il ruolo del network di filiali,in tutte le regioni italiane. Lo sviluppo organizzativo di Gi Group viene il più possibile riversato sui clienti - individui e imprese - stimolando sviluppi professionali e organizzativi.

"Il quadro normativo è a posto", osserva il patron di Gi Group, guardando soprattutto all'orizzonte delle politiche attive disegnato dal Jobs Act. "Non sono molti i paesi dotati di un meccanismo di flexicurity come quello di cui si è dotata l'Italia". Certamente i processi di ricollocazione vanno sperimentati e portati a regime: ed è qui che le agenzie che fanno capo ad Assolavoro (di cui Colli-Lanzi è vicepresidente) vogliono rimanere protagoniste.

Naturalmente Gi Group non perde di vista l'altra metà del proprio universo strategico. "Nel 2017 vogliamo soprattutto consolidare le nostre presenze all'estero, che valorizzano sempre al massimo le matrici di business sviluppate in Italia". Il Brasile, atteso a un rimbalzo del ciclo economico, promette risultati all'altezza degli investimenti effettuati da Gi Group, fino a raggiungere la terza posizione sul mercato. Ma il nuovo anno della Gi Group globale guarda anche con attenzione alla Cina. L'aggiustamento del sistema industriale sta moltiplicando la domanda di profili professionali alti: quelli che Gi Group è in grado di fornire grazie a investimenti importanti nell'area ricerca & selezione.

© Riproduzione Riservata.