BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

RIFORMA PENSIONI 2016/ La "mutazione" che può far più poveri gli italiani

InfophotoInfophoto

Che significa questo? La norma è scritta in modo ancora troppo generico, ma se si combinano i due passaggi citati non si può non ricavare l'impressione che le pensioni di reversibilità stiano per subire una modificazione genetica, da diritto acquisito e trasmissibile agli eredi a prestazione assistenziale aleatoria, legata alla posizione economica del beneficiario. La mutazione non è da poco se si considerano più di tre milioni di beneficiari di pensione di reversibilità, con una spesa che supera i 24 miliardi di euro: una massa che fa gola alle casse dello Stato in tempi di "vacche magre" e dove si spendono clausole di flessibilità prima di ottenerle!

Al di là della legittimità di tale assimilazione, sulla quale attendiamo con ansia il parere di autorevoli giuristi, vale la pena di ricordare l'attuale disciplina amministrativa Inps, in base alla quale, ad esempio, il titolare di un assegno sociale o pensione sociale che diventa titolare di pensione ai superstiti perde contestualmente il diritto a tali prestazioni di natura assistenziale, revocate dalla data di decorrenza della nuova pensione; ciò farebbe pensare a una differente natura della pensione di reversibilità rispetto alle prestazioni assistenziali, altrimenti la percezione dell'una non comporterebbe necessariamente la perdita dell'altra.

È curioso, ma con un progetto di legge che dovrebbe contrastare la povertà si rischia di creare sacche di nuovi poveri (per lo più donne, statisticamente più longeve degli uomini) che tra l'altro con le loro pensioni, più o meno generose, hanno anche sostenuto a lungo i giovani figli in momenti di crisi. Bel ringraziamento.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
21/02/2016 - Con le sinistre al governo nessuna meraviglia (Carlo Cerofolini)

Margaret Thatcher affermava che la povertà non è il brodo di coltura del socialismo, bensì il suo effetto deliberatamente costruito, quindi perché meravigliarsi se il disegno di legge delega del governo “progressista” di Renzi, relativo agli interventi in favore della povertà, volendo intervenire in modo riduttivo sulle pensioni di reversibilità creerà sicuramente solo nuovi e più numerosi poveri?