BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SINDACATI E POLITICA/ La tattica di Landini per conquistare la Cgil

Maurizio Landini sembra essersi rimangiato le critiche a Marchionne e lavora al rinnovo contrattuale dei metalmeccanici. GIUSEPPE SABELLA ci spiega il perché di queste mosse

Maurizio Landini e Susanna Camusso (Infophoto)Maurizio Landini e Susanna Camusso (Infophoto)

Le parole che Maurizio Landini ha pronunciato la scorsa settimana a proposito di Fiat-Chrysler e di Sergio Marchionne, al di là del clamore, vanno lette con molta attenzione perché non sono per nulla casuali. “Nessuno nega che la Fiat, prima dell’arrivo di Sergio Marchionne, fosse a rischio di fallimento e oggi no. E nessuno vuole negare le qualità finanziarie del manager. Di tutto questo noi siamo contenti”.

A differenza dei soliti commentatori, che oggi non parlano più del caso perché la rinascita dell’industria dell’auto italiana - quasi lo 0,4% del +0,7% di Pil è del settore auto - è talmente evidente che ha chiuso loro la bocca (il migliore resta “Marchionne ha salvato Chrysler e ha ucciso Fiat”), quantomeno Landini ha riconosciuto di aver sbagliato qualcosa. Diciamo che sul piano organizzativo ne aveva molto bisogno. Il calo degli iscritti è stato forte: prima della sua nomina a Segretario generale della Fiom-Cgil, le tessere erano circa 364mila, nel 2014 circa 352mila; solo nelle fabbriche Fiat il tasso di sindacalizzazione è crollato dal 39% del 2011 al 33% del 2014; oggi, dal loro interno, trapela che gli iscritti siano 350.000. La Fim-Cisl ha guadagnato circa 10.000 nuove tessere, la Uilm-Uil non molte posizioni.

In fabbrica e nei luoghi di lavoro la logica del talk show non funziona, e già qualche mese fa Landini ha ammesso di essersi troppo preoccupato dei salotti televisivi. I lavoratori si iscrivono al sindacato per il valore aggiunto della rappresentanza (la Fim lo è stato), ma quando questa anziché tutelare il lavoro e le sue potenzialità mette a rischio il posto dei suoi rappresentati, l’effetto non può che essere quello della perdita degli iscritti a vantaggio di chi opera per le prospettive del lavoro.

Tuttavia le ragioni dell’abiura di Landini sono più profonde. Il Segretario generale della Fiom da tempo è molto disciplinato, parla pochissimo e lavora in modo molto collaborativo al rinnovo del contratto metalmeccanico, il cui ultimo incontro tra Federmeccanica e sindacati è stato nella giornata di venerdì scorso. Landini ha più volte detto “questo contratto lo vogliamo e lo firmeremo”.

Il contratto dei meccanici si appresta a diventare la piattaforma di riferimento per il prossimo accordo interconfederale, il manifesto di Federmeccanica è considerato programmatico da tutti i candidati alla presidenza di Confindustria. Landini vuole fortemente questo rinnovo - che è vicino e seguirà quello di chimici e alimentaristi - perché, dopo il fallimento della “coalizione sociale”, punta deciso alla Segreteria della Cgil.