BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Riforma pensioni 2016 / Pensione anticipata, sarà la "pagella" per l'Ape di Matteo Renzi

Infophoto Infophoto

A sorpresa è rientrata nel dibattito, dopo tanto tempo, anche l'ex ministro Fornero, autrice della contestata legge che porta il suo nome. Dopo aver sollevato critiche a una flessibilità che porti a una pensione anticipata aperta a tutti perché aggraverebbe il debito pubblico (con l'Ape in misura ridotta, con la Rle presumibilmente per nulla, nota dello scrivente), la Fornero ha rivendicato la validità del suo impianto (non discutibile se avesse riconosciuto i principali errori che hanno portato - con il non trascurabile costo di oltre 12 miliardi di euro - all'attuale quadro). Inoltre, criticando l'uso della flessibilità finalizzata a ridurre la disoccupazione giovanile, ha affermato che il costo andrebbe invece sostenuto non per modificare il suo impianto, tranne che per situazioni mirate, bensì per ampliare le possibilità di accesso dei giovani al mercato del lavoro. 

A parte il fatto che sembra aver dimenticato la partenza in questi giorni dell'Anpal e la razionalizzazione integrata e successiva dei Centri per l'impiego (rinnovamento negletto sebbene ci fosse una proposta analoga a quanto realizzato dall'attuale ministro Poletti, avanzata già sei anni or sono…), a fronte di divergenze note, una convergenza a sorpresa su Rlr c'è stata con la sua intervista su La Stampa del 21 aprile scorso, quando dice: "Io sono sempre stata largamente favorevole alla flessibilità con pensioni contributive, perché c'è anche una piena responsabilità: puoi andare prima in pensione, ma te lo paghi". Inaspettato.

© Riproduzione Riservata.