BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SINDACATI E POLITICA/ Il "jolly" per sbloccare i contratti (e far contento Renzi)

Vincenzo Boccia (LaPresse) Vincenzo Boccia (LaPresse)

È chiaro che con la flessibilità che il Governo ha guadagnato a Bruxelles (14 miliardi euro), sarà possibile intervenire in un’ottica di riduzione delle imposte, cosa importante per rilanciare gli investimenti, per dare respiro all’occupazione e alle retribuzioni e, quindi, ai consumi. Tutti stanno lavorando alacremente, dopo molto tempo perso le Parti vogliono trovare un’intesa; ma anche il Governo ha interesse a stare dentro la partita. In autunno c’è la tornata referendaria, determinante per le sorti del Paese e per lo stesso Governo. Se le nuove regole per la contrattazione fossero scritte prima del voto, Matteo Renzi potrà prendersi il merito di avere cresciuto le retribuzioni; un bell’argomento per il Sì alla riforma.

 

Twitter @sabella_thinkin

© Riproduzione Riservata.