BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

RIFORMA PENSIONI 2016/ Ape, la vittoria del buon senso di governo e sindacati

LaPresseLaPresse

Insomma, c'è da dire che le difficoltà fanno bene ai soggetti pubblici. Il Governo cerca così di smussare le asperità dimostrate negli ultimi anni a danno delle indispensabili rappresentanze sociali, mentre queste ultime possono procedere più concretamente nel misurarsi con la realtà, offrendo alternative ai singoli problemi in luogo dei soliti lenzuoloni di proposte,  che  possono dare al momento qualche soddisfazione, ma immediatamente dopo generano frustrazione per la conseguente inconcludenza.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
15/09/2016 - l'APE è una truffa (Michele Ballarini)

La pensione pubblica costa troppo, la sanità pubblica costa troppo, la scuola pubblica costa troppo, gli asili nido costano troppo, ecc. L'APE è una truffa e coloro che l'hanno ideata e la approvano dei miserabili truffatori. Dal pensionato d'oro Bonanni non accetto lezioni. Andrò in pensione anticipata con quasi 44 anni di contributi e a 66 di età. Una riforma reale, vera, delle pensioni, che consenta a tutti di uscire con 40 di contributi costerebbe troppo, dicono. E così si sfruttano i lavoratori anziani. Costa poco, invece, l’evasione fiscale, costa poco la corruzione, costano poco le grandi opere inutili e dannose, costano poco le spese militari sempre in aumento, costano poco le pensioni d’oro, costano poco i vitalizi ai politici con cinque anni di “anzianità”, costano poco…, ecc. Ormai siamo arrivati al paradosso che i costosi contributi previdenziali versati per oltre 40 anni alle casse dell’Inps danno luogo a pensioni costose e perciò bisogna fare due conti per non darle se non accorciandone il più possibile la riscossione e possibilmente penalizzando chi ha cominciato a lavorare troppo giovane (peggio per lui?). Dobbiamo ribellarci, anche con la forza. Stiano attenti gli sfruttatori: gli anni di piombo non sono molto lontani....