BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

CONTRATTI STATALI/ Aumento stipendi dipendenti pubblici e rinnovo: attesa per il tavolo con i sindacati (ultime notizie oggi 19 gennaio 2017)

Contratti statali, rinnovo e aumento stipendi dipendenti pubblici: tempi lunghi per la trattativa all'Aran? Ultime notizie oggi 19 gennaio 2017 in aggiornamento in tempo reale

Immagini di repertorio (LaPresse)Immagini di repertorio (LaPresse)

C'è attesa per il proseguo della trattativa per il rinnovo dei contratti statali. Governo e sindacati si devono ora incontrare all'Aran, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, dopo la firma lo scorso 30 novembre dell'intesa politica sull'aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici. I lavoratori aspettano il rinnovo dei contratti statali da sette anni. Oggi intanto è in programma la Conferenza Stato-Regioni, la sede in cui, tra l'altro, il Governo acquisisce l’avviso delle Regioni sui più importanti atti amministrativi e normativi di interesse regionale. La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano opera nell’ambito della comunità nazionale per favorire la cooperazione tra l’attività dello Stato e quella delle Regioni e le Province Autonome, costituendo la "sede privilegiata" della negoziazione politica tra le Amministrazioni centrali e il sistema delle autonomie regionali.

Potrebbero allungarsi i tempi della trattativa per il rinnovo dei contratti statali. Per arrivare infatti all'aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici bloccati da sette anni si deve portare a termine la trattativa all'Aran, dopo l'intesa politica firmata lo scorso 30 novembre. Il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia e i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno siglato un accordo quadro per l'aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici di 85 euro medi lordi. Poi, in seguito alle dimissioni del premier Renzi e la formazione del nuovo governo Gentiloni, la trattativa vera e propria all'Aran per il rinnovo dei contratti statali è slittata a inizio 2017. Nei giorni scorsi ci sono stati degli incontri interlocutori con i sindacati all'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni. E ora i dipendenti pubblici attendono che la trattativa decolli per arrivare allo sblocco degli stipendi così come stabilito dalla Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo lo stop agli aumenti negli ultimi anni.

I dipendenti pubblici sono in attesa, per quanto riguarda il rinnovo dei contratti statali, di conoscere i dettagli della trattativa all'Aran con i sindacati. Dopo la firma dell'intesa politica avvenuta lo scorso 30 novembre tra i sindacati Cgil, Cisl e Uil e il ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia, la trattativa vera e propria per il rinnovo dei contratti statali passa ora all'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni. Tra le questioni che dovranno essere discusse c'è anche quella della disciplina dei permessi, delle assenze e delle malattie nella Pubblica amministrazione. Secondo quanto siglato nell'intesa dello scorso novembre, dovrà essere ripreso anche questo argomento: nell'accordo è stato infatti accennato alla ripresa del confronto che era partito all'Aran nel 2014 ma che non era poi giunto a un risultato. In base alle nuove regole in discussione i dipendenti pubblici dovranno utilizzare un permesso orario e non potranno più assentarsi per l'intera giornata di lavoro.

© Riproduzione Riservata.