BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Contratti statali/ Aumento stipendi dipendenti pubblici e rinnovo: settimana Pa aperta (Oggi 1 marzo 2017)

Contratti statali, rinnovo e aumento stipendi dipendenti pubblici: il ministro Madia conferma la linea dura contro i furbetti del cartellino (Oggi 1 marzo 2017)

Contratti Statali, Marianna Madia (Foto LaPresse) Contratti Statali, Marianna Madia (Foto LaPresse)

Deve ancora essere ripreso l'iter per il rinnovo dei contratti statali: la trattativa deve passare ora all'Aran dopo che lo scorso 30 novembre i sindacati hanno firmato con il governo un accordo quadro per un aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici di 85 euro medi lordi. Intanto sta per iniziare, come annunciato via Twitter dal ministro della Pubblica amminisitrazione Marianna Madia la settimana dell’Amministrazione Aperta. Si tratta della prima edizione dell'iniziativa che prevede seminari, hackathon, dibattiti pubblici, webinar. Dal 4 all'11 marzo si svolgeranno per sette giorni iniziative in tutta Italia per promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e dell’accountability sia nelle amministrazioni pubbliche che nella società. Clicca qui per consultare il calendario delle iniziative e inserire una proposta di iniziativa che si vuole organizzare durante la settimana dell’Amministrazione Aperta.

Mentre si attende la ripresa della trattativa per il rinnovo dei contratti statali il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia si scaglia contro i cosiddetti 'furbetti del cartellino', i dipendenti pubblici che truffano lo Stato facendo finta di lavorare e assentandosi dal proprio posto di lavoro. Durante la trasmissione 'Unomattina', in onda ieri su Rai 1, il ministro Madia ha infatti dichiarato che "se c'è una prova schiacciante che un dipendente pubblico ha truffato sulla presenza o che ha sbagliato, immediatamente ci deve essere una sanzione. Quello che è intollerabile è il lassismo che c'è stato molto spesso nel far seguire allo sbaglio una sanzione". Poi Madia ha sottolineato che il 'cuore' della riforma della Pubblica amministrazione non sono "le sanzioni, i licenziamenti" però "ci sono episodi di cronaca che suscitano, giustamente, l'indignazione dei cittadini, e su cui siamo intervenuti". Il Testo Unico del Pubblico impiego è stato varato dal Consiglio dei ministri la scorsa settimana e ora si attende che sia avviata all'Aran, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, la trattativa per il rinnovo dei contratti statali. I dipendenti statali aspettano l'aumento degli stipendi dal 2009: lo scorso 30 novembre si è avuto un primo sblocco con la firma dell'intesa politica tra governo e sindacati Cgil, Cisl e Uil. Restano da definire le risorse da stanziare dopo che sono stati stabiliti incrementi di 85 euro medi lordi.

© Riproduzione Riservata.