BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SPILLO/ La rivoluzione metalmeccanica e l'equivoco da 83 centesimi

I lavoratori metalmeccanici avranno 83 centesimi in più in busta paga, ma non bisogna confondere questa cifra con un aumento salariale, spiega GIUSEPPE SABELLA

LapresseLapresse

Come qualche lavoratore metalmeccanico si sarà accorto, la busta paga delle tute blu - in virtù dell'indice ipca - registra un +83 centesimi (1,77 € lordi) per un quinto livello. La previsione era di una crescita dell'inflazione di +0,5%, quella reale è stata di +0,1%. L'occasione è stata tale che il Fismic - dopo le polemiche innescate dalla Fiom secondo cui il ccnl metalmeccanico farebbe guadagnare più del contratto Fiat - ha commentato ufficialmente criticando il ccnl metalmeccanico e le scelte di Fim, Fiom e Uilm.

In realtà, la polemica poggia sul nulla e su equivoci che rischiano soltanto di confondere i lavoratori, quando invece i luoghi di lavoro hanno bisogno sempre più di coesione e di partecipazione. Innanzitutto, è sbagliato parlare di aumenti retributivi in relazione alle variazioni provocate dall'inflazione e dall'indice dei prezzi al consumo: questo perché l'indice ipca permette soltanto che il salario conservi e protegga il potere d'acquisto del lavoratore. Più cresce l'inflazione, più crescono i prezzi al consumo: questa variabile della retribuzione permette - in parole molto povere - di non spendere più di ieri. In secondo luogo, il recente rinnovo metalmeccanico segna forse un passaggio decisivo nella contrattazione circa il rapporto tra i due livelli contrattuali e nel ruolo della contrattazione di secondo livello: a questa, il compito di distribuire ricchezza quando e laddove prodotta. 

Il salario sarà per questo motivo sempre più aziendale, le imprese diventeranno sempre più il luogo della produzione e della distribuzione della ricchezza, tanto che - con l'intesa del luglio 2016 tra Confindustria, Cgil, Cisl e Uil - oggi per la prima volta anche per quelle aziende che non contrattano direttamente è possibile distribuire salario di produttività usufruendo degli incentivi fiscali previsti per la detassazione della premialità variabile.

I recenti dati sulla crescita economica diffusi da Istat (Pil +1,2% nel primo trimestre 2017) e la performance del settore (+3,8% volumi produttivi e -53% cig, dati Federmeccanica) fanno pensare che il comparto stia tornando a produrre ricchezza dopo anni di grosse sofferenze che hanno visto bruciare 1/5 della sua forza produttiva. Se così sarà, la ricchezza sarà distribuita: allora, a ragione, si potrà parlare di aumenti salariali.

Oggi, anche in Italia, il salario non è più una variabile indipendente. Insieme a Federmeccanica, Fim, Fiom e Film hanno fatto chiarezza. E anche il Fismic lo sa.

Twitter: @sabella_thinkin

© Riproduzione Riservata.