BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONTRATTI STATALI/ Aumento stipendi Pa: le richieste della Uil al Ministro Madia (ultime notizie)

Contratti statali, ultime notizie di oggi 5 agosto 2017: aumenti stipendi Pa, gli ultimi aggiornamenti. Ministro Madia tra promesse, critiche e punti chiave sul rinnovo del settore pubblico

Contratti statali, Ministro Marianna Madia (LaPresse) Contratti statali, Ministro Marianna Madia (LaPresse)

Se è vero che il ministro Marianna Madia ha confermato anche su Twitter l'auspicio di chiudere la partita per il rinnovo contratti statali, lo è altrettanto che le condizioni delle altre parti in causa nelle trattative sono chiare e difficili da spostare. A tal proposito è Nicola Turco, segretario generale della UIL Pubblica Amministrazione, a spiegare in una nota la posizione del sindacato da lui rappresentato:"Diamo atto al Governo di aver lavorato nei cosiddetti “Mille giorni” per arrivare al  rinnovo del contratto dei pubblici dipendenti e concordiamo con l’auspicio di chiudere la questione con la firma entro l’anno". Tuttavia, secondo Turco, per siglare l'intesa è "necessario che venga rispettato il contenuto dell’accordo dello scorso 30 novembre tra Governo e Sindacati confederali". Si tratta cioè di "tre i punti fondamentali sui quali il Governo deve intervenire. In primis va assicurato ai lavoratori l’aumento medio di 85 euro, che deve riguardare  esclusivamente  il trattamento economico fondamentale, quindi occorre trovare la soluzione normativa nonché le risorse per salvaguardare il ‘bonus’ degli 80 euro ed infine va restituito alla contrattazione il ruolo attivo che l’ha contraddistinta nel lungo, positivo percorso della privatizzazione degli anni ’90". (agg. di Dario D'Angelo)

CONTRATTI STATALI: ULTIME NOTIZIE E RINNOVO STIPENDI PA

LE PROMESSE DELLA MADIA

La pausa estiva è cominciata anche per i “protagonisti” del tavolo trattative per il rinnovo dei contratti statali: in questi giorni abbiamo osservato quali e quante promesse sono state effettuate in viste delle prossime decisive tappe. La vicenda va avanti da oltre 8 anni, ma i prossimi 4 mesi saranno decisivi per vedere se l’Aran, il ministero Pa e il Governo sapranno mantenere la promessa messa in calce lo scorso 30 novembre. Secondo il ministro Madia fine 2017 coinciderà con il reale aumento medio generale per tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione; prima di salutare tutti e partire per le vacanze, i sindacati all’ultimo tavolo presso l’Aran - riaggiornando le trattative al prossimo 31 agosto - hanno espresso i punti chiave sotto ai quali non si potrà andare nei prossimi mesi. «Aumento tabellare di 85 euro medi, sblocco del turnover in primis per i precari e i vincitori di concorso, agevolazioni fiscali sulla produttività individuale, welfare contrattuale, risorse per il salario accessorio e la tutela delle identità professionali, saranno i temi intorno ai quali la Cisl Fp vuole costruire un accordo serio per ridare dignità e valore al lavoro pubblico e a chi manda avanti il sistema dei servizi del nostro Paese», ha riportato nella nota sindacale Maurizio Petriccioli, Commissario della CISL FP.

 

LA MADIA REPLICA ALLE POLEMICHE, IL CONTRATTO NUOVO SI FARÀ

Marianna Madia torna ancora una volta a replicare alle polemiche giunte anche in questi giorni sul rinnovo dei contratti statali, specie per la vicenda spinosa delle coperture economiche del Ministero Economia. Una utente su Twitter ha contestato l’insistenza del Ministro PA di rivendicare i miliardi risparmiati grazie al blocco stipendi nella Pubblica Amministrazione: «gli stipendi bloccati sono stati resi tali durante il Governo Berlusconi (nel 2010). Nei mille giorni di governo Renzi abbiamo lavorato per consentire al rinnovo del contratto. Auspico la firma entro l’anno», twitta la ministra della Pubblica Amministrazione che dunque conferma ancora una volta, come fatto ieri del resto - che il rinnovo stipendi e contratti si avrà entro fine anno, anche se manca ancora una data certa e una firma già chiarita. Per questo bisognerà attendere ad ottobre/novembre, forse.

© Riproduzione Riservata.