BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

PAGAMENTO CEDOLINO PENSIONE INPS 2018/ Oggi primo accredito: come funziona l'aumento (ultime notizie)

Pagamento Pensioni Inps 2018, ultime notizie: oggi l'accredito di gennaio, tutti i mesi anomali del 2018 con la differenza banche e poste. Le novità in Manovra e tutte le date

Pagamento Pensioni 2018 (LaPresse)Pagamento Pensioni 2018 (LaPresse)

La notizia del giorno in fatto di pensioni, ha a che fare con l'aumento dell'1,11% per effetto della ripartenza o sblocco della perequazione a partire proprio da oggi 3 gennaio. L'aumento in oggetto, come emerge dalla circolare Inps dello scorso 21 dicembre, fa riferimento anche alla pensione minima, all'assegno sociale, alla pensione sociale e all'indennità di accompagnamento. La circolare, come spiega Fanpage.it, indica al tempo stesso come avviene il calcolo relativo all'aumento e che è strettamente connesso agli aumenti del costo della vita. Nel dettaglio, tale aumento si riduce con l'aumentare stesso della pensione annua (lorda) del ricevente, passando cioè dall'1,11% allo 0,495% in riferimento alle pensioni più alte. Se, quindi, la percentuale stabilita è applicabile fino a 1.505.,67 euro lordi, con l'aumentare della pensione essa diminuisce passando ad un +1,045% da 1.505,68 a 2.007,56 euro lordi; a +0,825% da 2.007,57 a 2.509,45 euro lordi; a +0,550% da 2.509,46 a 3.011,34 euro lordi ed infine a +0,495% da 3.011,35 euro lordi in su. Inoltre, quando il calcolo della perequazione è inferiore al limite della fascia precedente perequato, sono previste delle fasce di garanzia. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

IL MODELLO OBIS/M

Oltre al cedolino per il pagamento della pensione, ogni singolo pensionato ha il diritto di venire a conoscenza di altre informazioni riguardante la sua situazione personale sul portale Inps tramite un altro utile strumento: il modello Obis/M, messo a punto negli scorsi mesi proprio dall’Ente previdenziale, rende fruibile all’utente le varie novità del portale Inps Online. In particolare, è un modello online con cui ogni pensionato potrà reperire una serie di informazioni sulla propria pensione e sullo stato dei vari pagamenti/accrediti. Nello specifico, come spiega il regolamento Inps, il modello Obis/M è un concentrato di informazioni quali il contributo di solidarietà; gli importi mensili lordi delle rate di gennaio e l’eventuale tredicesima; gli importi mensili netti; l'aumento che viene calcolato all’inizio di ogni anno ( perequazione automatica); le ritenute erariali e le eventuali addizionali regionali e comunali; le quote associative; le detrazioni di imposta applicate; la trattenuta per incumulabilità con l'attività lavorativa. 

I MESI "ANOMALI" DI PAGAMENTO

Scatta oggi il primo accredito delle pensioni per questo 2018: come spieghiamo anche qui nel dettaglio, il pagamento degli assegni pensionistici solo per questo gennaio avviene il secondo giorno bancabile. Ma da febbraio e poi in forma permanente, si torna alla cara vecchia formula del primo giorno bancabile: oltre a gennaio, sono settembre e dicembre gli unici mesi “anomali” nella riscossione delle pensioni. In questi due mesi infatti le date di accredito differiscono tra banche e poste per via del Calendario e delle pratiche normali, con gli istituti di credito che di sabato non fanno operazioni di cassa. Ebbene, sabato 1 settembre 2018 accredito delle pensioni per Poste Italiane, mentre lunedì 3 settembre per per le banche. A dicembre invece, chiudendo il 2018, ci sarà la possibilità di riscuotere l’assegno sabato 1 per Poste italiane e poi lunedì 3 per le banche. Ricordiamo che in queste occasioni, sono compresi i pagamenti dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e indennità di accompagnamento per gli invalidi civili e delle rendite vitalizie dell’INAIL.

LA MANOVRA E LA NOVITÀ

La novità dunque resta perenne: dopo la proroga della regola del secondo bancabile passata lo scorso anno, in questa ultima Manovra Economica il Governo Gentiloni ha deciso di dare ascolto alle richieste di sindacati, categorie e pensionati che chiedevano il consueto pagamento delle pensioni al primo giorno bancabile. È stato deciso di accontentarli ma non per il mese di gennaio visto che era già troppo tardi negli ultimi giorni di dicembre di cambiare il piano di accredito e riscossione già andato in scena per il mese di gennaio 2018, ancorato alla ormai passata regola del secondo giorno bancabile. Il governo ha così scongiurato l'entrata in vigore della riforma del 2015 contenuta nel decreto Milleproroghe e più volte rinviata: ecco cosa si legge nel testo di legge approvato dal Parlamento prima di Capodanno, «A decorrere dal mese di gennaio 2018, al fine di razionalizzare e uniformare le procedure e i tempi di pagamento delle prestazioni previdenziali corrisposte dall'INPS, i trattamenti pensionistici, gli assegni, le pensioni e le indennità di accompagnamento erogati agli invalidi civili, nonché le rendite vitalizie dell'INAIL sono posti in pagamento il primo giorno di ciascun mese o il giorno successivo se il primo è festivo o non bancabile, con un unico mandato di pagamento ove non esistano cause ostative». Domani dunque il primo giorno di riscossione per banche e poste delle pensioni 2018, ma sarà l’unica volta: da febbraio 2018, e per sempre, si paga il primo giorno bancabile per tutti.

© Riproduzione Riservata.