BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIBATTITI/ Tra strade e ponti, alla scoperta del “bello” nell’ingegneria

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il Ponte Gobbo di Bobbio  Il Ponte Gobbo di Bobbio

Un ponte non è un semplice oggetto che serve per attraversare un fiume; e una strada non è solo un modo razionale per andare da una città all’altra. Queste, come altra costruzioni tecnologiche e le opere pubbliche in genere, sono molto di più di semplici strutture funzionali. Al punto che si può parlare di opere d’arte, come fa Javier Manterola nell’appassionato e attraente (grazie anche a un gran numero di spettacolari immagini fotografiche) saggio Ingegneria come opera d’arte, da poco pubblicato da Jaca Book su proposta e in collaborazione con la NET Engineering di Padova.

Manterola è, manco a dirlo, un ingegnere; un ingegnere civile specializzato soprattutto nella progettazione di ponti e docente alla Escuela Superior de Ingegneros di Madrid. È abituato a guardare al suo lavoro con uno sguardo aperto e a cercare tutti i possibili nessi con altre dimensioni del sapere e con altre manifestazioni dell’espressività umana. Non si rassegna al fatto che finora «la possibilità contemplative dell’uomo era stata circoscritta all’opera piccola, maneggevole, capace di entrare in una stanza o in un museo». Lui si vuole confrontare con realizzazioni di centinaia o migliaia di metri, che vanno ad incidere sul paesaggio e interagiscono con un contesto di vita molto più ampio.

E proprio il rapporto col contesto è la prospettiva dalla quale Manterola affronta le sue costruzioni; ma è anche quella nella quale ci invita a posizionarci per imparare a «vedere l’ingegneria». Potremmo così scoprire che le opere “lineari”, cioè strade, ferrovie e canali – con buona pace di tanto movimenti del “NO” - riescono a migliorare il paesaggio, a renderlo «addirittura più bello di com’era allo stato naturale». Certo, per arrivare a tanto bisogna che la sovrapposizione delle geometrie al terreno avvenga secondo una combinazione virtuosa, senza compiere oltraggi smisurati e ferite irrecuperabili per il territorio. Ma quando questa combinazione è ben disegnata può dare risultati grandiosi.

Una strada che “si insedia” nel paesaggio può diventare un’opera d’arte anche se non era stata progettata per questo. Il confronto, tramite delle vedute aeree, tra una strada moderna che solca un territorio variegato, la Muraglia cinese e l’installazione Running Fence di Christo, mostra come le tre opere riescano a dirci qualcosa di più sul paesaggio nel quale sono inserite: ci evidenziano la geometria del terreno, dicono qualcosa della geologia e della sua struttura interna. Certe strade che “tagliano” dei fianchi di montagne o che intersecano canali o scorrono parallele alle coste, non solo hanno un’enorme forza evocativa ma aiutano a vedere meglio ciò che la natura aveva prodotto. Una strada «può creare un’infinità di paesaggi», realizzando un formidabile adattamento con la morfologia del terreno. Insomma, «le geometrie stradali possono essere bellissime: bisogna solo abituarsi a guardare».



  PAG. SUCC. >