BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

LETTERA/ Libertà di stampa, perché a scendere in piazza sono i padroni del vapore?

quarto_potere1R375.jpg(Foto)

 

Così in questi mesi – e non c’è alcun paragone con le mie vicende – costoro (Fnsi, Federazione nazionale della stampa) e Repubblica sono stati solidali in una campagna di destabilizzazione del sistema e di denigrazione dell’Italia all’estero puntando il mitra contro la vita privata delle persone, spiattellata e vilipesa a prescindere dai mezzi utilizzati per disgelarla nei punti in cui faceva comodo.

Io non ci sto. Una libertà di stampa così è veramente una roba da farabutti, e non mi importa se copio la formula da Berlusconi, perché è una descrizione perfetta della realtà di briganti che caratterizza oggi il potere, il quale è anzitutto potere sulla coscienza e dunque si gioca sull’informazione. E qui vince, anzi stravince come occupazione del territorio, come mentalità dominante armata di bazooka la casta vera, assai più potente della politica. Ed è quella della finanza svizzera e inglese, di cui De Benedetti è forte rappresentante, nonché padrone del gruppo più influente storicamente negli ultimi decenni, quello di Repubblica-Espresso, con vasta rete di quotidiani locali, e penetrazione straordinaria nelle televisioni, ma anche e soprattutto nella testa dei giornalisti dovunque essi lavorino. Infatti – è risaputo – le scuole di giornalismo hanno per direttori e professori gente di sinistra, orfani dell’Unità, pensionati di Repubblica o di una Rai consacrata alla sua storia secolare di compromesso storico. Chi ne esce e viene assunto ha questa testa qua, non è colpa sua, ma si capisce benissimo che tende dalla parte del vapore di sinistra.

E allora come si fa a stare con loro? Per me è impossibile, ma credo sia buon senso per tutti augurare ogni fiasco a queste quinte colonne di una democrazia tradita.

 

 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
02/10/2009 - Giornalismo di sinistra, giornalismo ideologico! (andrea bognini)

Condivido pienamente il pensiero di Farina: una manifestazione per la libertà di stampa fatta da dittatori del giornalismo ideologico, privi di senso autocritico ma pronti a sputare su tutti coloro che OSANO esprimere un parere che si scosta dal loro becero modo di pensare!

 
02/10/2009 - Farina è una meraviglia. (claudia mazzola)

Quello che dice Renato Farina per me è Vangelo! E se lo dico io...

 
02/10/2009 - Libertà di stampa (M.Rita Bianco)

Si commenta con poche parole. Ha fatto benissimo a scrivere. Io, con il mio carattere, con la sua esperienza, avrei detto le stesse cose. Ogni giorno si aggiungono nomi alla lista e su alcuni di loro io faccio una pernacchia. Ne conosco pochi ma, probabilmente, la pernacchia se la meriterebbero tanti di loro. E' la stessa cosa di un altro articolo: scandalo terribile per Berlusconi e coccolano quel porco di Polansky.... In questo caso i Polansky sono loro e si coccolano da soli, gli con gli altri!

 
02/10/2009 - COMPLIMENTI (Rolando Badetti)

BRAVO, BRAVISSIMO! CONDIVIDO IN PIENO QUANTO LEI HA SCRITTO.