BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

VIA FANI/ Cinque ragioni per ricordare Aldo Moro, il “Belzebu” odiato da Mosca

Enrico Berlinguer e Aldo Moro (Foto Ansa)Enrico Berlinguer e Aldo Moro (Foto Ansa)

Le motivazioni soggettive dei brigatisti sono tutte interne al mondo comunista, alla visione di una Resistenza incompiuta: Moro, nel suo lavoro paziente di democratizzazione del Pci di Berlinguer, era il nemico per eccellenza della purezza rossa, il vero Belzebu, insieme per altro a Cossiga e ad Andreotti. Mosca lo voleva morto come in precedenza avrebbe voluto assassinare anche Berlinguer, perché con Moro vivo e attivo, con la sua intelligenza superiore e la capacita di convinzione senza pari, il processo di consenso alla Nato da parte del Pci sarebbe stato inevitabile.


In quegli anni l'Unione Sovietica di Breznev pensava realmente a un'invasione dell'Occidente come unico modo di sopravvivenza, ma questo sarebbe stato impossibile senza poter contare su una quinta colonna filo-russa oltre il Brennero.


Qui, pero, non è il caso di entrare in questioni oggi in fondo accademiche (ma chi sa, parli!) bensì di porsi nel bel mezzo di quell'evento. E imparare qualcosa da esso, con umiltà. Ci provo per punti.


1) Il criterio del bene e del male non dipende dal contesto storico, per cui uccidere gli inermi qualche volta si può per un bene futuro.


2) Per capire e affermare questa verità non serve ancorarsi a regole o convenzioni storiche. Occorre riferirsi a quelle evidenze originarie che solo una cattiva educazione e cattivi maestri hanno potuto annebbiare o ribaltare.


COMMENTI
16/03/2011 - anche altri aspetti ta tenere in conto... (attilio sangiani)

Moro era odiato da Mosca ma non molto simpatico all'America. Se lo Stato non deve essere un Moloch,non deve esserlo "per tutti". Altrimenti ci sarebbero alcuni (Moro)"più uguali" degli altri : magistrati, sindacalisti , giornalisti o agenti della scorta,vittime del terrorismo al pari di Moro. Inoltre Moro credeva erroneamente ( non così Giorgio La Pira ) che il bolscevismo sarebbe durato mille anni; che non era il "gigante dai piedi d'argilla". Per questo aveva sacrificato valori "non negoziabili",come il rispetto assoluto di ogni vita umana :infatti aveva abbassato le resistenze politiche e giuridiche alla introduzione dell'aborto come "diritto"....( leggere la esortazione al Consiglio nazionale DC nel 1975). Se si prescinde dal tenere conto di queste circostanze,la valutazione complessiva del personaggio Aldo Moro ( e di buona parte della DC ) ne rimane viziata. Cordialmente