BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

VIA FANI/ Cinque ragioni per ricordare Aldo Moro, il “Belzebu” odiato da Mosca

Enrico Berlinguer e Aldo Moro (Foto Ansa)Enrico Berlinguer e Aldo Moro (Foto Ansa)

3) Lo Stato deve difendersi dalle aggressioni che puntano a distruggere i pilastri democratici della vita comune. Anche usando la forza.


4) Il metodo di contrasto a questa violenza assassina di stampo ideologico dev'essere però come quello proposto da Moro in tutta la sua vita, con l'affermazione del primato della persona. Questo non è cedimento o rinunzia, debolezza o resa. Ma affermazione di che cosa conta davvero.


5) Oggi assistiamo all'incedere senza freni di una dittatura del relativismo per cui alla fine tutto è possibile e in fondo lecito. Il freno a che il metodo della violenza si faccia strada non sta in una dialettica dotta, ma nella testimonianza di chi vive con gioia e passione dentro una proposta amorevole e costruttiva. Come Moro, insomma. Oggi, dopo 33 anni, che sono l'eta di Cristo, questa è l'unica strada, e non se ne conosce un'altra che sia umana.

 

P.S. C'è un'altra persona da ricordare oggi: Francesco Cossiga. Nessuno ha sofferto come lui per quella morte. Ora sono amici a faccia a faccia, spero proteggano l'Italia.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
16/03/2011 - anche altri aspetti ta tenere in conto... (attilio sangiani)

Moro era odiato da Mosca ma non molto simpatico all'America. Se lo Stato non deve essere un Moloch,non deve esserlo "per tutti". Altrimenti ci sarebbero alcuni (Moro)"più uguali" degli altri : magistrati, sindacalisti , giornalisti o agenti della scorta,vittime del terrorismo al pari di Moro. Inoltre Moro credeva erroneamente ( non così Giorgio La Pira ) che il bolscevismo sarebbe durato mille anni; che non era il "gigante dai piedi d'argilla". Per questo aveva sacrificato valori "non negoziabili",come il rispetto assoluto di ogni vita umana :infatti aveva abbassato le resistenze politiche e giuridiche alla introduzione dell'aborto come "diritto"....( leggere la esortazione al Consiglio nazionale DC nel 1975). Se si prescinde dal tenere conto di queste circostanze,la valutazione complessiva del personaggio Aldo Moro ( e di buona parte della DC ) ne rimane viziata. Cordialmente