BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

GIULIO ANDREOTTI/ Farina: "preferisco obbedire", la lezione di un politico nemico dell'odio

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Cossiga disse di lui che fu il vero ministro degli Esteri della Santa Sede, e in questo e per questo davvero italiano. Egli era l’italiano come termine finale di una tradizione cattolica serena e papalina. Voglio qui ricordare due frasi: “Non mi hanno fatto male”. Disse così a proposito dei suoi atroci accusatori. Tutto è buono, anche le prove, perché in Paradiso non ci si va in carrozza. L’altra quando cambiò idea sul referendum sulla fecondazione assistita. Era deciso a votare contro, ma andando a deporre la scheda. Lo dichiarò pubblicamente. Il consiglio della Conferenza episcopale e in particolare del cardinal Ruini era invece di non presentarsi ai seggi. Allora, lui che era il genio dell’astuzia politica, disse: “Preferisco obbedire”.
Ma no, una terza frase la voglio dire: “Quando ai funerali di don Luigi (chiamava così don Giussani, nda) udii la predica di Ratzinger, fui certo sarebbe diventato Papa”.
Ora mi piace l’idea dei discorsi che faranno lassù, dopo non esserci certo arrivati in carrozza, Moro, Cossiga e Andreotti. Date un occhio all’Italia, per favore!

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/05/2013 - lo stile (luisella martin)

Grazie per il bell'articolo. In Paradiso credo che Andreotti ed i suoi amici chiederanno a San Pietro di costituire un club di barzellette diverso da quello di Berlusconi, quando ci arriverà. Era lo stile (oltre che la fede mostrata), la differenza tra Berlusconi e Andreotti! Accusato di reati gravissimi ed infamanti Giulio Andreotti non ha mai parlato di "accanimento della magistratura", o di "una parte di magistratura". Si è difeso ed ha vinto; non gli hanno fatto del male, perché non ha voluto raccogliere, toccare, restituire il male che gli tiravano addosso; io sono anziana e posso testimoniare che pochi media lo difendevano! Su quei processi mi piacerebbe che un giorno si sapesse la verità, ma forse farò prima a farmela raccontare da Andreotti in persona, in Paradiso.

 
06/05/2013 - L'eterno riposo (Alberto Pennati)

Molti cristiani giustamente reciteranno questa preghiera. Come politico, al di là di altre considerazioni, credo abbia perso una grossa occasione di testimoniare la fede cristiana: dimettersi anziché passare alla storia anche per aver firmato la legge sull'aborto.

 
06/05/2013 - Riposi in pace. (claudia mazzola)

So poco, però quando lo vedevo in tv lo ascoltavo sempre e mi piaceva, anche simpatico, può bastare per avere un bel ricordo di lui.