BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

MERIAM/ La sua liberazione è uno schiaffo all'Europa che ha tradito i cristiani

Meriam con Papa Francesco (Immagine d'archivio)Meriam con Papa Francesco (Immagine d'archivio)

Ora però questo gesto deve spingere a un impegno fortissimo. La libertà religiosa è la suprema delle libertà, come ha stabilito una volta il Parlamento con una mozione che ho avuto l'onore di scrivere, è "la madre di tutte le libertà". L'Europa invece vilmente ha lasciato schiacciare in Medio Oriente e dovunque nel mondo le comunità cristiane, si è accontentata di guardare l'evolversi delle cose, preoccupata solo della sicurezza energetica.

C'è una sicurezza più preziosa. È una verità evangelica, ma è constatabile nell'esperienza di qualunque essere umano: "Che importa se conquisti il mondo (il gas, il Pil, eccetra) e poi perdi la tua anima? E che darà l'uomo in cambio della propria anima?". Ecco, la libertà religiosa è al livello di queste domande, e incorona la testimonianza di Meriam, e delle tante Meriam che sono morte per farcelo sapere.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
25/07/2014 - Cristianicidi e libertà in pericolo. Occhio! (Carlo Cerofolini)

Considerata la diciamo tiepidezza e prudenza che c’è da parte dei Paesi democratici a denunciare con forza il massacro e la discriminazione che subiscono i Cristiani nel mondo e pure ad agire per impedirli, non è che la nostra libertà sia in pericolo, visto quanto affermava Platone e cioè che “La paura è il primo passo verso la servitù”? Occhio!

 
25/07/2014 - MERIAM (maria schepis)

Meriam è stata un esempio di coraggio estremo tanto quanto crudele,irragionevole e malvagio è stato il potere che l'ha brutalizzata.Oggi è libera sia per le pressioni politiche internazionali,che per il tam tam mediatico dell'opinione pubblica. L'opinione pubblica,lo penso da sempre,ha l'obbligo di non distogliere l'attenzione da fatti che, se apparentemente lontani,in verità ci riguardano. Meriam, fortissima e fragilissima,non si è piegata a chi le chiedeva di rinnegare la sua essenza:la sua fede,il suo uomo.Quanto appaiono piccoli tanti avventurieri che pensano di guidarci, sempre pronti ad indossare la casacca del vincitore pur di restare a galla.Che il premier e la sua signora abbiano accolto questa smunta e tenace donna è il doveroso omaggio al giunco che si flette ma resiste,alla dignità più grande della paura.Noi stiamo perdendo la capacità d'indignarci ma è un lusso che non dobbiamo e non possiamo permetterci.La forza delle idee può salvarci,noi abbiamo smesso di pensare,anteponendo la convenzionalità non conflittuale allo "scontro" civile d'opinioni;discorsi d'altri tempi? Forse,ma "il sonno della ragione genera mostri" disse qualcuno e se "mostri" vicini e lontani ce ne sono tanti,probabilmente, è perché la ragione sonnecchia più del dovuto.Partorire incatenata quando"un altro mondo" rifiuta,violenta,uccide i bambini è gridare alle coscienze sopite:-Io esisto perché penso,perché credo,perché spero,perché amo.Diamole ascolto e con umiltà urliamo: Grazie Meriam!

 
25/07/2014 - Qualcuno lassù e qualcuno quaggiù non ci tradisce (claudia mazzola)

Ieri quando ho visto le immagini di Meriam dal Papa ho avuto un sobbalzo al cuore! Che bella, lei, i bimbi ed il marito. Grazie Gesù!