BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANT'ANTONIO/ L'architetto: "Il santo tra i grattacieli che illumina la movida"

Pubblicazione:

Il nuovo sagrato di sant'Antonio in via Farini  Il nuovo sagrato di sant'Antonio in via Farini

Quartiere Garibaldi, una delle zone a più tumultuosa e vertiginosa crescita della nuova Milano, quella dei grattacieli. In mezzo a cantieri giganteschi e a un traffico caotico, una chiesa molto cara ai milanesi. E' quella di Sant'Antonio da Padova, la cui costruzione cominciò nel 1902 quando questo era uno dei quartieri più popolari della città e consacrata il 12 giugno 1906 dall'allora arcivescovo il beato Andrea Carlo Ferrari. Nel luglio 1937 Pio XI la dichiara Basilica minore Romana, ma oggi non è neanche più parrocchia. Nonostante ciò rimane un simbolo caro alla religiosità dei milanesi, e un simbolo anche della capacità di servizio della chiesa ambrosiana: qua infatti si trova uno dei maggiori centri di accoglienza per o senza tetto di Milano, in grado di fornire circa cento pasti al giorno. Situata  secondo uno schema urbanistico tipico del tardo ottocento europeo a un bivio, quello tra via Farini e via Maroncelli con la divaricazione dei fianchi, oggi rischia di rimanere un po' schiacciata e dimenticata in mezzo a  tanto sviluppo edile Il recente intervento di sistemazione del sagrato della chiesa  ha dato un segnale di "riscossa", ma non è l'unico.
Dice  infatti l'architetto Maurizio Barile in una conversazione con IlSussidario.net, responsabile dello studio che ha completato il progetto di intervento del sagrato, (insieme a lui hanno lavorato gli architetti Antonello Bortoluzzi e Andrea Perego) che si sta preparando un intervento particolare. "Dalle varesine fino a via Farini è l'unico edificio religioso esistente, in mezzo ai grattacieli da una parte e a una delle zone a più intensa frequentazione giovanile, la movida di Corso Como". Barile dice che "da Porta Garibali è rimasto uno scorcio visivo, una sorta di cannocchiale visivo in mezzo ai nuovi palazzi in costruzione che permette di individuare la statua di Sant'Antonio in cima alla chiesa. E' ben visibile di giorno, ma non di notte. I frati allora ci hanno chiesto di predisporre una illuminazione speciale per far sì che la statua del santo spicchi in mezzo ai palazzi, come simbolo di religiosità in mezzo allo sviluppo vertiginoso, ma anche caotico della nuova Milano". L'idea dunque di rendere visibile la presenza del santo illuminandola in modo adeguato di notte.
"Adesso stiamo pensando di aumentare questa illuminazione" aggiunge Barile "con una corona di luci da porre ai piedi del santo tipo quella che ha la Madonnina sul Duomo". L'architetto ci racconta anche un particolare divertente. Alcuni frati, dice, decisi a contrastare la  movida imperante ai piedi del santo, volevano porre luci intermittenti: "Una provocazione: così come c'è la movida, c'è anche sant'Antonio che balla", L'idea però non è piaciuta alla maggior parte dei frati…


Come è nata l'esigenza di mettere mano al sagrato della chiesa?

L'esigenza esisteva da tempo, Era tempo nota ai frati e alle persone del zona. Si volevano risolvere due tipi di problema.  Il primo era quello  di contrastare in qualche modo il bivacco notturno dei molti senza tetto che di giorno vengono qui per la presenza della mensa dei frati. Durante il giorno infatti a pranzo ci sono più di cento persone alcune delle quali si fermano poi a dormire e a lavarsi nella fontana. Il sagrato di fatto era un semplice allargamento del marciapiede, anche male illuminato se non del tutto buio.

Il secondo problema invece?

Proprio davanti ai gradini e prima del sagrato esisteva  un percorso stradale strano realizzato ai tempi della costruzione dell'edificio quando esisteva il collegamento tra via Farini e via Quadrio, quando cioè via Farini era a doppio senso. Negli anni questo collegamento stradale non ha più avuto ragione di esistere, serviva solo per far arrivare le auto per matrimoni e funerali. Funzione che comunque noi abbiamo garantito attraverso il posizionamento di due cordoli carrabili. Ma c'era anche un terzo problema in realtà.

Quale?

L'altra ragione molto importante era rendere più accessibile ai disabili l'ingresso in chiesa, costituito da gradini molto schiacciati verso la facciata e dove una persona solo con l'aiuto di un'altra persona poteva salire il dislivello esistente.

In che modo lo avete risolto?

Abbiamo realizzato due accessi laterali un po' simili a quelli che ci sono in Duomo per i disabili. Mi verrebbe da dire anche più belli, meno ripidi e meno vistosi, ma in realtà il sagrato del Duomo è molto più alto e necessita di tali passaggi.






  PAG. SUCC. >