BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DON GIOVANNI/ Mozart e il suo capolavoro nella biografia di Paolina Leopardi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Wolfgang Amadeus Mozart  Wolfgang Amadeus Mozart

La Scala apre la stagione con Don Giovanni di Mozart. Il compositore ha, poco nota, una biografa d’eccezione: si tratta di Paolina Leopardi, la sorella prediletta di Giacomo.

Riservata, finissima interprete delle lettere, traduttrice, amante del melodramma e amica di Marianna Brighenti, un promettente soprano di quei tempi. Grazie all’epistolario tra le due giovani donne, sappiamo qualcosa di più sulla vita familiare di casa Leopardi, sulla reclusione imposta dai genitori alla figlia a Recanati, vinta solo dall’amore per le lettere e per la musica. E’ indubbia una sovrapposizione tra le due figure dei padri di Mozart e di Leopardi, Leopold e Monaldo, accomunati dall’avarizia, tra le due città vissute dai due come prigione, Salisburgo e Recanati, tra il genio musicale e poetico dei due grandi, tra le loro due morti improvvise.

Il breve scritto fu pubblicato anonimo nel 1837 come dono per una festa di nozze. In una lettera dell’anno seguente  Paolina si svela autrice dell’operetta. L’edizione del 2010 a cura di il notes magico, Mozart, riproduce senza alcuna modifica la bella prosa ottocentesca della colta sorella di Giacomo.

La biografia di Paolina, più tematiche che cronologica, non si apre a Salisburgo, come sarebbe prevedibile, ma a Praga, nello scenario incantato di quella città in cui Mozart compose il suo Don Giovanni. L’autrice racconta la nascita della sinfonia dell’opera, che doveva andare in scena il giorno dopo e la sinfonia doveva essere ancora scritta. Mozart se ne stava con gli amici, dimentico di ciò che aveva da fare. Gli chiedono lo spartito per ricopiarlo. Il compositore si ritira nella camera vicina e scrive: da mezzanotte alle quattro compone, i copisti solo alle sette di sera consegnano agli orchestrali le parti ancora umide. Nessuna prova, ma grande attenzione da parte dei suonatori che leggevano lo spartito per la prima volta e, sotto la direzione di Mozart, caldissimo successo.

Paolina riserva uno spazio cospicuo all’epistolario mozartiano, pubblicato in Germania dalla moglie pochi anni prima, in cui è raccolta la corrispondenza con la famiglia nei viaggi in Francia, in Italia, in varie parti della Germania. Lettere ammirabili per la loro semplicità e per la costanza mostrata da Mozart in tutte le sue traversie, commenta Paolina.



  PAG. SUCC. >