BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STUDENTI/ La storia di Marco e Ilaria: ci sono buone "ragioni" per non mollare la scuola

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

“Per capire le dimensioni della dispersione scolastica a Milano basta pensare che quando si arriva a febbraio il 30% dei ragazzi iscritti al primo anno degli istituti tecnici ha già abbandonato le classi” ci dice Nicoletta Stefanelli, direttrice del Centro per la promozione giovanile e la lotta all’esclusione sociale 2you. “Ci sono leggi che sanzionano i genitori quando i figli non vanno a scuola ma sono inefficaci perchè non offrono nessuna proposta. Magari il vigile va a casa e porta l’adolescente a scuola per un giorno ma la cosa finisce li. Bisogna tenere presente che un ragazzo che non trova ragione per andare a scuola non ci va”.
13 anni fa mentre studiava per laurearsi Nicoletta ha accettato “per caso” di seguire una sua amica che andava ad aiutare i ragazzi nei doposcuola. Da allora non ha più smesso di lavorare con loro.

Che cosa fate al centro 2you?

Questo centro nasce nel 2003 su iniziativa del ministero della Pubblica Istruzione per offrire ai ragazzi una proposta formativa a 360 gradi che vada incontro a quelle che sono le esigenze reali, che si capiscono conoscendo attitudini, potenzialità e debolezze.  Facciamo consulenza ai ragazzi, alle famiglie e a i docenti. Poi abbiamo una parte importante di istruzione formazione e lavoro, dove avviciniamo i ragazzi al lavoro attraverso i laboratori con percorsi specialistici sulle arti e mestieri di eccellenza. Infine ci sono le attività culturali e sportive dove coinvolgiamo varie scuole in progetti a largo raggio. Sono tutti ambiti che si mescolano per dare risposte personalizzate alle esigenze dei ragazzi.

Come si fa a riprendere un ragazzo che ha abbandonato la scuola?



  PAG. SUCC. >