BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANITA’/ Perucci (Irccs): in Lombardia pazienti garantiti come in nessuna altra Regione

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

La sanità lombarda è una realtà estremamente eterogenea, che comprende grandi ospedali pubblici, Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (Irccs), strutture sanitarie di origine religiosa e cliniche private. Come complessità e dimensioni, è paragonabile soltanto al Lazio. Ilsussidiario.net ha chiesto una valutazione della qualità raggiunta nelle due regioni a Carlo Alberto Perucci, coordinatore del Programma nazionale esiti dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. Per l’esperto, “nel panorama nazionale la Lombardia e il Lazio rappresentano le due facce opposte della medaglia. Il Pirellone si è dotato di modelli di accreditamento e forme di controllo da parte di organismi internazionali, mentre a Roma mancano entrambi. E il risultato è che la sanità lombarda è un sistema governato, quello di altre regioni invece no”.

 

A partire dagli indicatori sulle diverse regioni, qual è il suo giudizio sulla sanità in Lombardia?

 

Il grande vantaggio della Lombardia, e di pochissime altre regioni, è quello di avere messo in atto per tempo un meccanismo di valutazione interna da parte della Regione per monitorare le aziende ospedaliere. Questo consente di confrontare la valutazione a livello nazionale con quelle da parte dei singoli sistemi regionali. La Lombardia inoltre fin dall’inizio della riforma del sistema sanitario è stata caratterizzata dal fatto di avere scelto un modello di separazione tra le funzioni delle Aziende sanitarie locali (Asl), che sono tutori della salute e committenti delle prestazioni, e gli ospedali, siano essi pubblici o privati accreditati, che sono produttori di servizi. Il sistema lombardo a un certo punto è però rimasto in mezzo al guado.

 

In che senso?

 

Nel senso che non ha portato fino in fondo la separazione tra Asl e ospedali. Tuttavia, rispetto ad altre regioni, la Lombardia ha un sistema di accreditamento compiuto che funziona e meccanismi di valutazione altrettanto efficaci. Questi strumenti sono utilizzati per controllare un universo di erogatori composto da strutture giuridiche estremamente eterogenee, che costituiscono un sistema sanitario dalle proporzioni enormi che esiste in poche altre regioni.

 

Quali sono i risultati raggiunti dalle strutture sanitarie lombarde?



  PAG. SUCC. >