BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BILANCIO/ Masseroli (Pdl): ecco come tagliare tasse e spese per rilanciare imprese e non profit

Pubblicazione:

Carlo Masseroli  Carlo Masseroli

Riduzione della spesa da 2,4 a 1 miliardo di euro, reinvenzione del ruolo del Comune e una significativa diminuzione delle tasse. Sono i principali punti delle proposte del Pdl per il bilancio di previsione in discussione di fronte al Consiglio comunale. Ilsussidiario.net ha intervistato Carlo Masseroli, capogruppo del Popolo della libertà, per chiedergli di illustrare i contenuti della sua battaglia contro il bilancio del sindaco Giuliano Pisapia e le alternative suggerite dal centrodestra.

 

Quali sono le vostre proposte per quanto riguarda il bilancio comunale?

 

La più importante è il ripensamento del ruolo del Comune, che ha il difetto di occuparsi di ambiti nei quali non dovrebbe intervenire, mentre al contrario dovrebbe diventare un soggetto capace di dare spazio alle varie autonomie funzionali. Spendendo meno e attirando capitale sarebbe possibile favorire una crescita del Pil.

 

In che modo è possibile spendere meno?

 

In primo luogo attraverso gli assessorati senza portafoglio, il cui compito non sia quello di spendere ma semplicemente di coordinare presenze sul territorio e consentirne la valorizzazione. Trovo per esempio un controsenso che il Comune attui delle iniziative a sostegno della piccola impresa spendendo dei soldi.

 

Che cosa dovrebbe fare?

 

Dovrebbe generare degli ambiti della città che siano defiscalizzati, in modo da consentire la creazione di nuove partite Iva under 35 e fare di Milano la capitale delle start up. Ma soprattutto, è compito del Comune fare in modo che chi ha qualcosa da proporre trovi lo spazio per metterlo in pratica. La defiscalizzazione è uno strumento per raggiungere questo obiettivo. La giunta Pisapia al contrario sta mettendo le tasse su tutto e a un livello abnorme.

 

Quali delle tasse di Pisapia avrebbe evitato di introdurre?

 

Tutte. Il governo Monti ha tagliato i trasferimenti ai Comuni per raggiungere l’equilibrio di bilancio, e in questo modo ha messo in discussione le spese degli enti locali. Pisapia ha promesso una spending review ma poi non l’ha attuata, come sottolineato dagli stessi revisori dei conti nella loro relazione. Ma soprattutto, ha aumentato la spesa corrente e tutto ciò che non ha ottenuto attraverso i trasferimenti o le entrate straordinarie lo ha chiesto direttamente ai cittadini.

 

Un vero e proprio salasso …



  PAG. SUCC. >