BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FORMIGONI INDAGATO/ Giannino: è un assalto ideologico alla sanità lombarda

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Se l’inchiesta in cui è indagato per corruzione con l’aggravante della transnazionalità dovesse farlo fuori (politicamente), scorreranno fiumi di champagne. Pure tra le fila del suo partito salteranno tappi. In generale, tra quanti, aspettando con ansia il passaggio del suo cadavere lungo il fiume, sono diventati vecchi. Ma la posta in gioco è molto più alta del suo futuro politico. Tutta la vicenda rischia di produrre un serio contraccolpo sul sistema sanitario lombardo, aspramente criticato dalla maggioranza dei nemici di Formigoni. Non è un caso che i presupposti dell’inchiesta ruotino attorno alla clinica Maugeri che, secondo l’accusa, avrebbe beneficiato, negli anni, di un occhio di riguardo da parte del governatore. Grazie ad apposite delibere finalizzate a rimpinguare oltremodo le casse della struttura sanitarie, si sarebbe dato vita – sempre secondo i Pm – a fondi neri da cui il governatore avrebbe attinto liberamente. Oscar Giannino ci spiega cosa non quadra tra le fondamene dell’impianto accusatorio.

Come valuta la vicenda?

Vedo agitarsi sullo sfondo una sorta di riflesso condizionato, che contamina il dibattito, tale per cui, ogni qualvolta si parla di sanità lombarda, sorge un’irritazione relativa alla sua peculiarità rispetto al modello prevalente 

Cosa intende?

Mi riferisco alla decisione di istituire un sistema di offerta pubblica del servizio sanitario che, al suo interno, contempli quella privato. In tempi di ristrettezze finanziarie è facile che si acuisca, nell’opinione di molti, la convinzione secondo la quale il settore pubblico deve essere gestito dal pubblico e avere esclusivamente dipendenti pubblici mentre, laddove subentrino attori privati, ci si trovi necessariamente in presenza di interessi illegittimi.

Alla base dell’inchiesta, infatti, ci sono presunti favori, in termini di finanziamenti, alla clinica Maugeri

Conosco bene i numeri della sanità lombarda e, avendo compiuto diversi studi comparati, posso affermare tranquillamente che, nell’ambito di questo sistema, la quota relativa al privato – rispetto alla definizione degli obiettivi ex ante e delle misure ex post che vincolano stanziamenti e trasferimenti – è quella, in Italia, più rigorosamente parametrata. Non solo: è anche la più avanzata ed efficiente. Detto questo, non credo che sia un atto un complotto; ma un attacco a questo sistema, invece, sì.

Al governatore lombardo, in particolare, si rinfaccia l’uso disinvolto dei finanziamenti destinati alle funzioni non tariffabili (prestazioni erogate dalle strutture sanitarie che non devono essere remunerate attraverso i tariffari) 



  PAG. SUCC. >