BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SICUREZZA STRADALE/ Nissan pensa a un sistema anticollisione. Ispirandosi alle api

Pubblicazione:

nissan_biocarR375_01ott08.jpg

Il tema è quello della sicurezza stradale. Quindi all’apparenza, nulla di strano. Si tratterà di un nuovo sistema frenante, di nuovi sensori, di un computer che guida l’auto al posto tuo, di un radar tra i più evoluti… Nulla di tutto questo. «Quale modo migliore per progredire nello sviluppo di tecnologie anticollisione, se non quello di imitare i principali rappresentanti del mondo della natura, le api?».

 

Api, sì, avete capito bene, api, insetti. Dopo il telefonino, nato dalla collaborazione di tre grandi aziende come Nissan, Sharp e Ntt Docomo, che ha una particolarità finora mai sviluppata su nessun altro prodotto e cioè quella di aprire le portiere di un auto e di metterla in moto, gli ingegneri dell'Advanced Technical Center di Nissan hanno presentato al Ceatec, la fiera più importante in fatto di innovazioni nel campo della tecnologia elettronica, che si tiene in Giappone, un progetto che, per ora, è rappresentato da un piccolo robot denominato BR23C, ma che in futuro dovrebbe trasformarsi in auto. Ma che c’azzeccano, direbbe qualcuno, le api con il robot? Il BR23C, che per muoversi usa tre piccole ruote, riproduce in miniatura il sistema di visione delle api per prevenire completamente gli urti.

 

Tutto ruota intorno alla telecamera Laser installata che riesce a rilevare la presenza di ostacoli fino a due metri di distanza entro un raggio di 180°: calcola la loro distanza e invia un segnale a un microprocessore che interviene per evitare la collisione. La telecamera agisce proprio come gli occhi composti delle api, capaci di un angolo di visione omnidirezionale superiore a 300°.

 

La più grande innovazione del sistema corrente, afferma Toshiyuki Andoh, Responsabile del Laboratorio di Mobilità, è che la manovra dovrà avvenire istintivamente, proprio come nelle api. Se non fosse così, il robot non potrebbe reagire abbastanza velocemente per evitare gli ostacoli.

 

Quelli della Nissan vogliono arrivare a progettare un’auto che possa reagire in tempo reale, al pericolo “esterno”.

 

Auguri. Per ora, in attesa dell’auto-ape, gli automobilisti dovranno continuare a guidare con prudenza ed attenzione, rispettando il codice della strada.

 

(Maurizio Saporiti)



© Riproduzione Riservata.